cerca

Jack O'Malley

Jack O'Malley nasce a Sheffield quando lo United era in seconda divisione. Dopo un'infanzia felice trascorsa nel cottage di famiglia nello Yorkshire, si trasferisce nella capitale per iniziare una lunga carriera in tutti i settori del giornalismo, fino ad approdare – dopo una parentesi di dieci anni in Italia – all'argomento che più ama: la Premier League. Adora il tè delle cinque, le passeggiate col suo setter nella calma di Hyde Park e non disdegna un buon bicchiere di brandy. Pensa che non ci sia nulla di più bello di Londra avvolta dalla nebbia o sotto la pioggia. Uomo dallo spiccato sense of humour, per il Foglio scrive ogni martedì di calcio inglese nella rubrica "That win the best", titolo che non lo entusiasmava finché dalla redazione non gli hanno spiegato che era la citazione di un film italiano. E' su twitter.

Trovati 417 risultati

Questo non è un titolo razzista
Che noia questo Pallone d’Oro che serve solo a far litigare i fan di Messi e Ronaldo
Meno male che c’è Sinisa Mihajlovic
C’è ritorno e ritorno: Mou, Li, El Pibe e Ibra
Il sogno proibito dei presidenti italiani si chiama Glenn
Altro che Ibra, vogliamo il bomber Picci in Serie A. Napoli, fai come l’Inter
Bambole gonfiabili e cori imbarazzanti
Il ritorno di Ibra e la deriva del calcio in wrestling
La fuffa su De Rossi e la caccia ai cattivi tifosi
La tragedia delle wags hackerate e altri racconti
Più Bernardo Silva, meno Ole Gunnar Solskjær
Il calcio pulito e la coppa europea di consolazione
Zaniolo non è Totti, Georgina non è una rovesciata
Il Var che nuoce alla salute e il ritorno di Maradona

Multimedia

Servizi