cerca

Jack O'Malley

Jack O'Malley nasce a Sheffield quando lo United era in seconda divisione. Dopo un'infanzia felice trascorsa nel cottage di famiglia nello Yorkshire, si trasferisce nella capitale per iniziare una lunga carriera in tutti i settori del giornalismo, fino ad approdare – dopo una parentesi di dieci anni in Italia – all'argomento che più ama: la Premier League. Adora il tè delle cinque, le passeggiate col suo setter nella calma di Hyde Park e non disdegna un buon bicchiere di brandy. Pensa che non ci sia nulla di più bello di Londra avvolta dalla nebbia o sotto la pioggia. Uomo dallo spiccato sense of humour, per il Foglio scrive ogni martedì di calcio inglese nella rubrica "That win the best", titolo che non lo entusiasmava finché dalla redazione non gli hanno spiegato che era la citazione di un film italiano. E' su twitter.

Trovati 366 risultati

Un brindisi alla Croazia e un paio a Rooney
Genio e paraculo, dateci 10, 100, 1.000 Mou
Peggio di Ibra al Milan c’è solo River-Boca
Non bastano più tre dita a Mourinho per essere Special
La bellezza relativa e assoluta di certe vittorie
L’addio al calcio di Terry, bad boy che ce l’ha fatta
La triste sorte delle inglesi in Champions
Perché la Premier League è pazza di Sarri
Quanto è orrendamente bella l'Europa League
Cari italiani datevi alla pallavolo
La Nations League è sempre meglio che niente
José Mourinho è già passato di moda
It’s not coming home. Bastava guardare le facce dei croati per capire perché l’Inghilterra ha perso
“It’s coming home”. L’Inghilterra batte la Svezia e ci crede davvero

Multimedia

Servizi