cerca

Guido De Franceschi

E' nato nel 1976. Fuori dal quadrante est di Milano si sente all’estero. Forse è per questo che lo incuriosiscono le piccole patrie, le lingue minoritarie e (senza di norma conquistarlo) i separatismi. Lo attira la contemporaneità e si è laureato in Lettere antiche. Vota a sinistra e scrive senza disagi di esteri e di libri sul Foglio e sulle pagine culturali del Giornale. Non è mai stato a Cagliari e collabora con l’Unione Sarda come commentatore e recensore. Quando sarà in pensione sfiderà età, pigrizia e buon senso cimentandosi nell’apprendimento della lingua basca.

Trovati 50 risultati

La strada difficile della Grande coalizione in Spagna
Altro che post ideologia, le elezioni in Spagna sono su sovranità e identità
Un nuovo arrivato a sinistra riaccende l’ennesima campagna elettorale spagnola
I 370 motivi di Sánchez per governare senza Podemos con i voti di Podemos
Non c’è oggetto del desiderio più ambìto dello spagnolo Sánchez
Cosa farà Rivera, macroniano ante litteram che è finito nazionalista?
La Spagna vuota
Così le spoglie di Franco sono diventate un’uggiosa faccenda di carte intestate
Tutti pazzi per l’Islanda? Perché ancora non avete letto le fiabe delle isole Faroe
Luoghi fuori posto
Una lista lunga di “è la prima volta che” spiega gli ultimi dieci anni di Spagna
Per vincere il referendum, la Macedonia sfrutta l’amore per l’Europa
La Macedonia ha ora un nome gradito ai greci, ma l’accordo di palazzo non basta
C'era una volta l'Eta

Multimedia

Servizi