Guido De Franceschi

E' nato nel 1976. Fuori dal quadrante est di Milano si sente all’estero. Forse è per questo che lo incuriosiscono le piccole patrie, le lingue minoritarie e (senza di norma conquistarlo) i separatismi. Lo attira la contemporaneità e si è laureato in Lettere antiche. Vota a sinistra e scrive senza disagi di esteri e di libri sul Foglio e sulle pagine culturali del Giornale. Non è mai stato a Cagliari e collabora con l’Unione Sarda come commentatore e recensore. Quando sarà in pensione sfiderà età, pigrizia e buon senso cimentandosi nell’apprendimento della lingua basca.

Trovati 38 risultati

La Macedonia ha ora un nome gradito ai greci, ma l’accordo di palazzo non basta
C'era una volta l'Eta
In Spagna c'è un altro scandalo: il caso Cifuentes
I cavalli, i “cuori stranieri” e il futuro dell’Ue secondo il polo Orbán- Kaczynski
La Brexit appesa al confine irlandese
Cambiare un alfabeto non è un capriccio. La geopolitica dell'abc
A cent'anni dall'indipendenza, gli stati baltici temono ancora Mosca
L'Ue si apre a est e torna il tormento del Kosovo (con un asterisco)
Quella perversione nazionalista che tiene sott'assedio la Macedonia
Il borghese catalano Artur Mas chiude un’èra
Così Rajoy gestirà la sua sconfitta, tra secessionisti e Ciudadanos in ascesa
Le acrobazie di Podemos, partito alluvionale di raro opportunismo
Effetto domino? No, l'indipendentismo catalano è unico
Un video della Cup spiega il terremoto politico in Catalogna

Multimedia

Servizi