cerca

Francesco Cundari

Nato a Roma nel 1978, bocciato due volte al liceo, non ha dato miglior prova all'università. Ha lavorato nel carcere di Regina Coeli (una cosa complicata), nella federazione romana dei Ds (addetto stampa), nella migliore gelateria di Roma (operaio banconista) e in un sacco di altri posti. Come giornalista ha cominciato al Riformista di Antonio Polito nel 2002 ed è passato al Foglio nel novembre 2006. Crede nella fondamentale distinzione di Sartre tra "essere un cameriere" e "fare il cameriere". Pertanto non si considera un giornalista di sinistra, ma una persona di sinistra che fa il giornalista.

Trovati 108 risultati

Un filo sottile collega la “fottutissima zingaraccia” con gli “sporchi ebrei”
Il romanzo delle intercettazioni
Il romanzo delle intercettazioni
Soros, Rothschild e quei piccoli tic verbali da Belpietro a Meloni
Fenomenologia della sezione Mazzini
Sfascisti su Marte. Bestiario surreale del primo anno del cambiamento
Banfi e criceti di Satana. Di cosa parlavamo mentre l’Italia andava in recessione
Il perfido Soros
Il governo del cambiamento ha abrogato l'ironia
Gli utili idioti del populismo
Solo un giornalista-analista di esteri poteva spiegare bene il populismo italiano
Dieci anni dentro al tunnel
Campagna contro le elite populiste
Abbecedario Gialloverde

Multimedia

Servizi