cerca

Alfonso Berardinelli

Roma 1943. Critico letterario e saggista, si è dimesso dall’insegnamento universitario nel 1995, lavora oggi fra editoria e giornalismo, dirige la Scheiwiller Prosa e Poesia. Fra i suoi libri: “L’esteta e il politico: sulla nuova e piccola borghesia” (1986), “L’eroe che pensa: disavventure dell’impegno” (1997), “Autoritratto italiano” (1998), “Stili dell’estremismo” (2001), “La forma del saggio” (2002), “Che noia la poesia” (2006, con H. M. Enzensberger), “Casi critici: dal postmoderno alla mutazione” (2007), “Poesia non poesia” (2008).

Trovati 159 risultati

Due altre sinistre impossibili
Salvare il pianeta e/o salvarci dall’atrofia digitale. Moralità difficili
L’iperoggetto che però vota e l’iperpoeta Scalfari. Riflessioni sulle non élite
Mario Andrea Rigoni e gli “opuscoletti” che salvano dai romanzi
E se nel più profondo dell’anima si nasconde il desiderio di diventare una macchina?
Cari filosofi, esiste un’utilità pubblica della morale che fa a meno della politica
La critica culturale langue e scandalizza. Un’altra forma di censura
Lo strano caso di Magrelli, il poeta che non esiste e si fa il sangue amaro
L'eccezionale critica d'arte di John Berger, che scrive per se stesso
I primi critici letterari devono essere gli scrittori. La lezione di Piglia
La “peggio politica” di oggi ha radici nella brutta cultura di ieri
I filosofi sono dei gran bugiardi?
Perché l’analisi di Zagrebelsky su fascismo e costituzione è miope
Salvare il tempo perduto raccontando la Torino piccola che non c’è più

Multimedia

Servizi