cerca

Alfonso Berardinelli

Roma 1943. Critico letterario e saggista, si è dimesso dall’insegnamento universitario nel 1995, lavora oggi fra editoria e giornalismo, dirige la Scheiwiller Prosa e Poesia. Fra i suoi libri: “L’esteta e il politico: sulla nuova e piccola borghesia” (1986), “L’eroe che pensa: disavventure dell’impegno” (1997), “Autoritratto italiano” (1998), “Stili dell’estremismo” (2001), “La forma del saggio” (2002), “Che noia la poesia” (2006, con H. M. Enzensberger), “Casi critici: dal postmoderno alla mutazione” (2007), “Poesia non poesia” (2008).

Trovati 194 risultati

Per essere cristiani ci vogliono immaginazione morale e creatività intuitiva
Non date consigli alla mia psiche: voglio essere libero di ridere o disperarmi
Come è successo che Nietzsche ha messo in scacco la cultura di sinistra
La sinistra concentrata nella difesa dei diritti ha trascurato i lavoratori
Almeno in poesia la via del futuro era già stata tracciata anni fa in Italia
L’umanesimo secondo Debenedetti è un lampo che dal passato profetizza il presente
Se la destra occupa gli spazi abbandonati dalla sinistra. E viceversa
Meglio essere volpe che riccio. Ma anche così, l’importante è non esagerare
L’unità nella diversità: una genealogia dello strabismo identitario dell’Europa
Educazione sentimentale per filosofi inglesi: il sesso allo stato puro non esiste
Va bene riscoprire il “Capitale” di Marx. Ma guai a ridiventare marxisti
L’uomo solo in lotta contro lo stato infido: così si difendono democrazia e giustizia
Cogliere i fatti sociali senza dare lo strizzacervelli ma con il gusto del grottesco
La scienza dice il vero e il falso. La politica è un’altra cosa, vero Machiavelli?

Multimedia

Servizi