Alfonso Berardinelli

Roma 1943. Critico letterario e saggista, si è dimesso dall’insegnamento universitario nel 1995, lavora oggi fra editoria e giornalismo, dirige la Scheiwiller Prosa e Poesia. Fra i suoi libri: “L’esteta e il politico: sulla nuova e piccola borghesia” (1986), “L’eroe che pensa: disavventure dell’impegno” (1997), “Autoritratto italiano” (1998), “Stili dell’estremismo” (2001), “La forma del saggio” (2002), “Che noia la poesia” (2006, con H. M. Enzensberger), “Casi critici: dal postmoderno alla mutazione” (2007), “Poesia non poesia” (2008).

Trovati 137 risultati

Il disastro della letteratura che scrive in iperstile per farsi notare un po’
Illeggibile, si premi
Bufale letterarie
Col genio di Montaigne nacque l’occidente moderno
Berardinelli, ma che hai fatto?
Il tramonto della lettura
I presupposti culturali della nostra civiltà
L'irresistibile Whitman
Come prendersi cura del proprio cervello
L'insana passione dell'erudito Sloterdijk per i mistificatori Heidegger e Derrida
Le avanguardie culturali sono quasi tutte stupide. Non cascateci
Regressioni e populismi
La competizione tra filosofi e scrittori sta portando al declino della letteratura
Due quisquilie a proposito di immigrati, stupri e quello che deve fare la sinistra

Multimedia

Servizi