La Germania stacca l’Italia sul lavoro, ma qualche incognita c’è

Record di occupati nella manifattura tedesca, mentre l’Istat vede nero sui lavoratori italiani. Da qui al 2050, è eurodeclino.

20 Febbraio 2015 alle 06:20

La Germania stacca l’Italia sul lavoro, ma qualche incognita c’è
Berlino. L’Italia è un paese manifatturiero secondo in Europa solo alla Germania, ma “li riprenderemo”, promette il premier Matteo Renzi. Il problema: Berlino non ha alcuna intenzione di farsi superare, anzi allunga il passo: l’industria tedesca ha registrato l’anno scorso un record occupazionale. A fine dicembre le imprese del settore manifatturiero con almeno 50 dipendenti davano lavoro a 5,3 milioni di persone, il dato più elevato dall’inizio di rilevazioni comparabili, nel 2005. L’incremento, secondo l’Ufficio tedesco di statistica (Destatis), è...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi