cerca

Assolti gli imputati per la strage di Piazza della Loggia

I giudici della Corte d'Assise di Brescia hanno assolto tutti e cinque gli imputati processati per la strage di Piazza della Loggia in base all'articolo 530 comma 2 del codice di procedura penale (insufficienza di prove). Il processo, nato da un'inchiesta iniziata nel '93, si è sviluppato in 166 udienze. La Corte d'Assise di Brescia si è ritirata in camera di consiglio il 9 novembre scorso dopo due anni di udienze.

16 Novembre 2010 alle 17:14

I giudici della Corte d'Assise di Brescia hanno assolto tutti e cinque gli imputati processati per la strage di Piazza della Loggia in base all'articolo 530 comma 2 del codice di procedura penale (insufficienza di prove). Il processo, nato da un'inchiesta iniziata nel '93, si è sviluppato in 166 udienze. La Corte d'Assise di Brescia si è ritirata in camera di consiglio il 9 novembre scorso dopo due anni di udienze.

Per Carlo Maria Maggi, Delfo Zorzi, Maurizio Tramonte e Francesco Delfino i pm avevano chiesto l'ergastolo, mentre un'assoluzione con formula dubitativa per 
l'ex onorevole Pino Rauti.

Il 28 maggio 1974 una bomba esplose a Brescia in piazza della Loggia durante una manifestazione antifascista fece otto morti e oltre cento feriti. I primi due processi sulla strage si chiusero senza sentenza. Carlo Maria Maggi, all'epoca dei fatti, era il capo di Ordine Nuovo nel Triveneto, oggi è un medico in pensione a Mestre. Delfo Zorzi (allora capo di Ordine Nuovo Veneto) oggi vive in Giappone, mentre Maurizio Tramonte, il presunto informatore dei servizi segreti con lo pseudonimo di fonte Tritone, è attualmente l’unico imputato detenuto per un’altra causa. Francesco Delfino, ex generale dei carabinieri, comandava il nucleo operativo di Brescia all’epoca della strage.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi