Il vaccino per il Covid è Travaglio

Andrea Marcenaro

Capace che dovremo aspettare fino alla fase 23, ma un giorno il virus si troverà a meno di un metro dal direttore del Fatto e preferirà ritornare dal pipistrello

“Epidemia di scarcerazioni”, ha titolato ieri il Fatto. Come soltanto un giornale mascalzone. Può darsi allora che il vaccino contro il Covid-19 manco venga inventato. Che non si trovi antidoto. Può darsi che questa pandemia debba durare anni. Che si debba tutti resistere oltre l’immaginabile perché incapaci di sconfiggere la bestiaccia. E che arriveremo stremati alla Fase ventitre. Tutto può darsi. Ma verrà un giorno, verrà per forza, che il coronavirus si troverà per caso a quasi un metro da Travaglio. Quel giorno, non volendo aver nulla a che fare con un tipo del genere, ritornerà di corsa dal vecchio pipistrello.

  • Andrea Marcenaro
  • E' nato a Genova il 18 luglio 1947. E’ giornalista di Panorama, collabora con Il Foglio. Suo papà era di sinistra, sua mamma di sinistra, suo fratello è di sinistra, sua moglie è di sinistra, suo figlio è di sinistra, sua nuora è di sinistra, i suoi consuoceri sono di sinistra, i cognati tutti di sinistra, di sinistra anche la ex cognata. Qualcosa doveva pur fare. Punta sulla nipotina, per ora in casa gli ripetono di continuo che ha torto. Aggiungono, ogni tanto, che è pure prepotente. Il prepotente desiderava tanto un cane. Ha avuto due gatti.