Tedeschi che titubano a darti soldi

Andrea Marcenaro

Accortezze da prendere quando si chiede un aiuto a Berlino

Evita di mostrare un linguaggio sessista: esistono i diritti della persona, non i diritti dell’uomo. Evita la discriminazione nei confronti di minoranze come negro o giudeo, o verso categorie con svantaggio fisico. Non si dice zingaro, si dice nomade, non si dice cieco, se mai non vedente, né handicappato, se mai diversamente abile. Evita espressioni tradizionalmente connotate in modo discriminatorio, per esempio, riguardo alle professioni, bidello o becchino, l’uno essendo piuttosto operatore scolastico, mentre l’altro operatore cimiteriale. E ricorda sempre, quando recalcitra a darti i soldi che tu di continuo gli chiedi, che quello non è un tedesco, è il solito nazista mangiapatate figlio di puttana, lui, e sua madre pure.

Di più su questi argomenti:
  • Andrea Marcenaro
  • E' nato a Genova il 18 luglio 1947. E’ giornalista di Panorama, collabora con Il Foglio. Suo papà era di sinistra, sua mamma di sinistra, suo fratello è di sinistra, sua moglie è di sinistra, suo figlio è di sinistra, sua nuora è di sinistra, i suoi consuoceri sono di sinistra, i cognati tutti di sinistra, di sinistra anche la ex cognata. Qualcosa doveva pur fare. Punta sulla nipotina, per ora in casa gli ripetono di continuo che ha torto. Aggiungono, ogni tanto, che è pure prepotente. Il prepotente desiderava tanto un cane. Ha avuto due gatti.