La sinistra-sinistra è ritornata a casa

Andrea Marcenaro

Così la sinistra è di nuovo se stessa. Ha riabbracciato il vecchio Argo lasciato scodinzolante anni fa sull’uscio

Se sia un bene, chi lo sa? Ma la sinistra-sinistra, che dormiva da anni sotto un ponte, ha di nuovo un tetto, è ritornata a casa, quattro mura, cucina, talora tinello. E’ ritornata antiamericana. Che antisraeliana, senatrice Segre a parte, e per quella settimanella l’anno, davvero non c’era bisogno. Antimperialista è ritornata, la sinistra. Assistenza all’occidentale e niente spesa per l’esercito europeo, questo no, mi raccomando, che è roba che costa. Filopopolana, terzomondista, petrodescamisada e quasirussa è ritornata la sinistra, ma diciamolo meglio, disponibile perfino verso Putin. E’ di nuovo se stessa. Ha riabbracciato il vecchio Argo lasciato scodinzolante anni fa sull’uscio di casa. Ci voleva Trump con Suleimani. Da solo non bastava. Troppo banale l’antirtrumpismo. L’America è più ampia. E l’Antiamerica è oltre. Da molto prima. Poi vai a capire. Dovrebbe ringraziare l’Ipertruce, questa magnifica truppa di intelligenti sbandati la quale (merito del carotato imperiale) ha finalmente recuperato la bussola preziosa della propria identità. E perché lo insulta?

Di più su questi argomenti:
  • Andrea Marcenaro
  • E' nato a Genova il 18 luglio 1947. E’ giornalista di Panorama, collabora con Il Foglio. Suo papà era di sinistra, sua mamma di sinistra, suo fratello è di sinistra, sua moglie è di sinistra, suo figlio è di sinistra, sua nuora è di sinistra, i suoi consuoceri sono di sinistra, i cognati tutti di sinistra, di sinistra anche la ex cognata. Qualcosa doveva pur fare. Punta sulla nipotina, per ora in casa gli ripetono di continuo che ha torto. Aggiungono, ogni tanto, che è pure prepotente. Il prepotente desiderava tanto un cane. Ha avuto due gatti.