cerca

Se il privato cittadino Saviano attacca la pubblica istituzione della Polizia

Le felpe del Truce e le accuse dello scrittore

10 Maggio 2019 alle 06:03

Se il privato cittadino Saviano attacca la pubblica istituzione della Polizia

Roberto Saviano (foto LaPresse)

Salvini è il ministro dell’Interno. Capo della Polizia di Stato. Indossa spesso le felpe: “Polizia”. Salvini difende sempre la Polizia. La Polizia di Stato è un’istituzione. Roberto Saviano, nel contempo, una specie di istituzione. Prezzemolina, ma una specie. E, nel contempo, cittadino privato: prezzemolino, ma privato, nato col dottor De Gennaro, quando la Polizia non era questa, piuttosto quella che si friggeva i Contrada, eppure tant’è. Bon. Succede adesso che il Saviano privato, quantunque istituzione o quasi, attacchi l’istituzione vera e propria: non è al servizio dell’istituzione ministeriale, se mai del politico che non fa il ministro. Succede perciò che l’istituzione vera e propria risponda al privato, per quanto istituzione a metà, dicendogli: tu taci, stronzo. Ciò che, esattamente istituzionale, a molti non è parso. E andrei avanti. Mi rendo conto, poi, che usare troppe parole per spiegare come il più cazzaro di tutti sia Salvini possa sembrare pleonastico.

  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    10 Maggio 2019 - 09:09

    Che il cittadino Saviano sia da tempo sempre al centro delle attenzioni mediatica la dice lunga sui tempi sciagurati nei quali siamo piombati. Ed anche sulla qualità dei governanti che di questi tempi sciagurati sono democratica espressione.

    Report

    Rispondi

Servizi