cerca

Le tre domande che tutti i giornalisti dovrebbero fare a Zingaretti

Raccomandazioni professionali per le prossime interviste al segretario dem. Almeno verifichiamo se il Pd sia un carro sul quale davvero valga la pena di salire

5 Marzo 2019 alle 18:08

Le tre domande che i tutti i giornalisti dovrebbero fare a Zingaretti

Foto LaPresse

Raccomandazioni professionali ai giornalisti che numerosi intervisteranno nelle prossime settimane Nicola Zingaretti. Nella prima domanda, qualsiasi cosa si intenda poi chiedere, deve comparire l’espressione: “Lei, come capo del Pd…”. Così il neo segretario risponderà: “Io non sono un capo, sono il leader di una comunità politica che sostituisce l’io con il noi”. La seconda domanda dovrà riguardare “il partito che volta pagina”. Lì risponderà: “Nessuna rivoluzione, unità e cambiamento sono la strada maestra”. Evitare di chiedere: unità con chi, cambiamento con chi. La premessa alla terza domanda non potrà che cercare di sbrogliare il senso delle prime due risposte, recitando con nonchalance: “La derenzizzazione in corso nel Pd…”. E Zingaretti risponderà: “La interrompo, non è in corso alcuna derenzizzazione, Renzi è una risorsa del Pd, più punti di vista sono vitali per come concepiamo noi la democrazia interna”. Tutto qui. Solo più tardi, solo cioè dopo aver verificato se il Pd sia un carro sul quale davvero valga la pena di salire, oppure no, ma attenzione, solo in questo secondo caso, il vero giornalista potrà sciogliere le briglie alla propria, intrattenibile, natura curiosa: “Scusi, segretario, ce stava a cojona’?”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    07 Marzo 2019 - 09:09

    Il prode Nereo Rocco in triestino l’avrebbe messa cosi’: “Cio’ mona, ma no te me sta miga ciolendo pel cul?” . Tanto per ricordare, in allegria, che non esiste soltanto il romanesco...

    Report

    Rispondi

Servizi