Il Papa sull'aborto crea nervosismo. Il governo no

Andrea Marcenaro

Sulle dichiarazioni dell'esecutivo si moltiplicano raffinati dibattiti accademici

Sento un gran nervosismo in giro perché il Papa si è lanciato in un giudizio negativo contro l’aborto. Contro l’aborto. Il Papa di Roma. Chi l’avrebbe mai pensato? E scarsissimo nervosismo invece, anzi, il moltiplicarsi di raffinati dibattiti accademici, su un governo che dà la caccia ai negri, dichiara di voler chiudere i giornali, chiede l’oro alla patria, gioca alla Grande proletaria che si è mossa, indica in quello colle corna Soros l’ebreo e cazzo c’entra perciò col fascismo?

Di più su questi argomenti:
  • Andrea Marcenaro
  • E' nato a Genova il 18 luglio 1947. E’ giornalista di Panorama, collabora con Il Foglio. Suo papà era di sinistra, sua mamma di sinistra, suo fratello è di sinistra, sua moglie è di sinistra, suo figlio è di sinistra, sua nuora è di sinistra, i suoi consuoceri sono di sinistra, i cognati tutti di sinistra, di sinistra anche la ex cognata. Qualcosa doveva pur fare. Punta sulla nipotina, per ora in casa gli ripetono di continuo che ha torto. Aggiungono, ogni tanto, che è pure prepotente. Il prepotente desiderava tanto un cane. Ha avuto due gatti.