cerca

Con Maurizio Martina contro la droga

Rendiamo omaggio al segretario del Pd che ha deciso di ripartire da Tor Bella Monaca a Roma e dallo Zen di Palermo. Dove i cinque stelle trionfano e lo spaccio impera

19 Luglio 2018 alle 06:00

Con Maurizio Martina contro la droga

Maurizio Martina (foto LaPresse)

Perfino questa stupida rubrichina ha il dovere di saper distinguere una situazione dall’altra. Capitano, come tre giorni or sono, occasioni in cui si commette un torto grave nei confronti del segretario Martina; il giorno appresso gli si chiede scusa, com’è giusto, sballottolandolo magari ancora un poco. Ed ecco che arriva, arriva sempre, l’occasione per la quale, anche a Martina, bisogna rendere omaggio. Lo facciamo volentieri adesso, dopo aver saputo che il segretario intende restituire respiro al Pd partendo non tanto dal territorio, come ormai usa la più scontata delle nenie, quanto da due contesti urbani tra i più difficili in assoluto: Tor Bella Monaca, a Roma, lo Zen a Palermo. Dove il disastro sociale lo respiri, l’abbruttimento indotto da un capitalismo spietato ti penetra dentro fin dai pori, dove i cinque stelle trionfano e lo spaccio impera. Eppure. Eppure tutto questo disastro, la sua immanenza sulla stanza scelta da Martina per ripartire, può regalare ricchezza al dibattito del segretario rendendolo più pieno. Ricostruire il tessuto sociale, ascoltare di nuovo i bisogni dei veri dimenticati, intaccare in profondità lo smercio diffusissimo delle droghe, della cocaina, del crack, dell’eroina sopra tutto. Ma adesso basta. Da domani, due bustine di socialismo. Grazie. Prego.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • fabriziocelliforli

    20 Luglio 2018 - 00:12

    0(°______°)0 grazie

    Report

    Rispondi

Servizi