cerca

Cinque truffe passate alla storia

Da Wilhelm Voigt a Bernie Madoff, la sesta è oggi in cantiere in Italia

7 Marzo 2018 alle 06:11

Cinque truffe passate alla storia

Una scena di Totòtruffa 62 (foto via Wikipedia)

Nel 1906 Wilhelm Voigt, calzolaio, riuscì a farsi passare per ufficiale prussiano e mise le mani su ingenti somme di denaro. Lo arrestarono, venne salvato dal Kaiser che s’era molto divertito. All’incirca novant’anni prima, era il 1817, May Baker se l’era inventata praticamente identica. Figlia del calzolaio di un’isoletta nell’Oceano indiano, si raccontò come principessa rapita dai pirati e campò da nababba sotto il nome di Caraboo Princess. Victor Lustig operò nel 1925. Come Totò la fontana di Trevi, riuscì a vendere, però sul serio, la Tour Eiffel: il commerciante di metalli che l’acquistò rinunciò alla denuncia per non sputtanarsi nell’ambiente. Han Van Meegeren incarnò il più geniale falsario d’arte del Novecento. Replicava sopra tutti Vermeer utilizzando tele originali del ‘600. Non copiava, inventava nuove opere, ne vendette un paio, a prezzi da capogiro, a due capi nazisti. Ebbe un anno di prigione in tutto. Arrivò poi, e siamo ormai nel 2008, Bernie Madoff: 150 anni di carcere per via che i tempi cambiano. Aveva usato uno schema detto Ponzi: rendimenti più elevati, pagati con i depositi dei nuovi gabbati. Un imbroglio da 65 miliardi di dollari. E siamo così alle cinque truffe passate alla storia. La sesta, ma diventerebbe la prima, è oggi in cantiere da noi. Prevede che gli inculati più inculati dal voto più limpido della storia assurgano, limpidamente però, eh, al ruolo di coinculanti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    07 Marzo 2018 - 09:09

    Caro Andrea’s, non si poteva descrivere meglio la situazione in cui ci troviamo. Condivido quello che più che un timore mi pare una certezza: ci aspetta un governo degli inculatori coalizzati con gli inculati, per restare dentro il suo linguaggio. Qualcuno dirà trattarsi di un governo di scopo. Leggendola mi e’ parso di capire che con la solita e magnifica arguzia lei ci abbia già anticipato fra le righe quale sarà lo scopo.

    Report

    Rispondi

    • Barbara Mella

      07 Marzo 2018 - 21:09

      "governo di scopo": grande!

      Report

      Rispondi

  • guido.valota

    07 Marzo 2018 - 08:08

    Perfetto. Anche le cifre in ballo confermano la rapina del secolo in preparazione.

    Report

    Rispondi

Servizi