Cosa c'è di peggio delle celebrazioni del Sessantotto

Marco Boato ha fatto a Sofri l’onore di mettere un paio di sue vecchie righe in testa al suo libro sul ’68: “C’è solo una cosa peggiore delle celebrazioni del Sessantotto, che detesto da tempo, ed è la denigrazione di quel periodo”

14 Febbraio 2018 alle 06:00

Cosa c'è di peggio delle celebrazioni del Sessantotto

Foto LaPresse

Leggo, grazie alla Piccola posta di Adriano Sofri, che Marco Boato ha fatto a Sofri stesso l’onore di mettere un paio di sue vecchie righe in testa al suo libro sul ’68: “C’è solo una cosa peggiore delle celebrazioni del Sessantotto, che detesto da tempo, ed è la denigrazione di quel periodo”. Nel mio piccolo, sono due le cose peggiori delle celebrazioni del Sessantotto, che detesto da tempo a mia volta, e sono la denigrazione di quel periodo e i suoi adoratori, specie se canuti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • fabriziocelliforli

    14 Febbraio 2018 - 19:07

    Parole sante.

    Report

    Rispondi

  • odradek

    odradek

    14 Febbraio 2018 - 18:06

    Ti stimo, fratello

    Report

    Rispondi

Servizi