cerca

Non avremo "il Giuliano", ecco perché

Una scelta del direttore Cerasa fa saltare la riforma grafica del Foglio 

23 Novembre 2017 alle 06:00

Non avremo "il Giuliano", ecco perché

Giuliano Ferrara (foto LaPresse)

Il nostro lettore (fossimo certissimi che sono due diremmo senz’altro i nostri) ha diritto a una spiegazione. La riforma grafica col carattere “Giuliano” è venuta meno per colpa, poi se vogliamo diciamo scelta, del direttore Cerasa. A riforma del Foglio squadernata, egli ha capito che col nuovo carattere, elegantissimo, però più largo, avrebbe impiegato 24 milioni di edizioni per scrivere quello che scrive abitualmente in una, poi volendo aggiungiamo senza sosta e che la verga infatti tutti i giorni mandati in terra da Nostro Signore, senza saltarne uno che sia uno. Capite da soli il costo della carta. Pazienza, ormai è andata. Un fatto resta: la figura di merda. Repubblica ha il suo Eugenio, il nostro Giuliano, noi, no. E bon, fin qui era dovuto. Detto questo, complimenti a Repubblica, il Fondatore può andar fiero. Indica ma respira, il bell’Eugenio, segnala, ma non angoscia, denuncia mentre ti rilassa. Il bavaglio della Milella è un bavaglino. Peccato che sia finita la Rivoluzione di ottobre a puntate: sarebbe sembrata al massimo di metà maggio. Tono anglosassone, davvero. Di servizio. Spiegare al lettore medio di Repubblica, con quell’occhiello enorme: “di cosa stiamo parlando”, non può fare che bene. Ottimamente incorniciata l’intervista all’Amor nostro, vostro, loro, boh? Bel lavoro, insomma. Non posso pensare che abbiano ingiarmato questo po’ po’ di casino per riportare Michele Serra a pagina 57.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • fabriziocelliforli

    23 Novembre 2017 - 14:02

    Siccome sono ignorante come un paracarro non mi faccio mancare niente e, mi dispiace ma la maggior figura di m.., col secondo a un giro dietro me, sono io. Ieri sono andato in edicola e ho chiesto se avevano il foglio (a forlì è merce rara: non più di una due copie per edicola e nemmeno tutte) rivoluzionato con la nuova veste: "aspetti che lo cerco". passano 5 minuti. "Ah ma guardi che è uguale al solito". bene me lo dia.

    Report

    Rispondi

Servizi