Tra Anpi e Israele basta la cronaca

Andrea Marcenaro

La sezione partigiana di Biella ha chiesto alla Provincia il permesso di proiettare un film per gli studenti di una scuola. Benissimo, ha consentito la Provincia. “Israele, il cancro”, era il titolo del film

La sezione dell’Anpi “Valle Elvo e Serra” tiene la propria sede a Biella, agglomerato sterminato, quantunque meno di New York. E questa è cronaca. Che poi le chiacchiere, a Biella, corrano più in fretta che a New York, anche questa è cronaca. Bon. E’ capitato, dunque, che la sezione partigiana di Biella abbia chiesto alla Provincia (non di Catania, di Biella) il permesso di proiettare un film per gli studenti di una scuola. Benissimo, ha consentito la Provincia. “Israele, il cancro”, era il titolo del film. Minchia!, l’Anpi che promuove “Israele, il cancro”?, protestò alla notizia l’ebraismo italiano. Ma chi lo conosceva, il titolo?, rispose la Provincia. Di Biella, dove se una mosca caca lo sa subito il lattaio. Entrò in scena l’Anpi nazionale, Carlo Smuraglia presidente: “Confido di riuscire a far prevalere la forza della ragione”. La Provincia negò subito la scuola. Proietteremo “Israele, il cancro” da un’altra parte, risposero in coro i compagni partigiani della sezione “Valle Elvo e Serra”. Che fin qui la cronaca. O volete il commento?

Di più su questi argomenti:
  • Andrea Marcenaro
  • E' nato a Genova il 18 luglio 1947. E’ giornalista di Panorama, collabora con Il Foglio. Suo papà era di sinistra, sua mamma di sinistra, suo fratello è di sinistra, sua moglie è di sinistra, suo figlio è di sinistra, sua nuora è di sinistra, i suoi consuoceri sono di sinistra, i cognati tutti di sinistra, di sinistra anche la ex cognata. Qualcosa doveva pur fare. Punta sulla nipotina, per ora in casa gli ripetono di continuo che ha torto. Aggiungono, ogni tanto, che è pure prepotente. Il prepotente desiderava tanto un cane. Ha avuto due gatti.