A Lefortovo, periferia di Mosca tra le betulle, al desk americano del Svb, lo spionaggio russo all’estero, danno le elezioni perse per Trump.

28 Ottobre 2016 alle 06:18

A Lefortovo, periferia di Mosca tra le betulle, al desk americano del Svb, lo spionaggio russo all’estero, danno le elezioni perse per Trump. Gli specialisti temono “il trio delle pazze anti russe”. Ovvero Hillary Clinton, Susan Rice (l’attuale assistente per la Sicurezza nazionale di Obama) e Samantha Power (ora ambasciatrice americana all’Onu). “Loro odiano Putin, la Russia e i russi”, e aggiungono: “Adorano la Guerra fredda che tornerà ancora più fredda di prima con la Clinton”. Al Cremlino si sono già studiate le contromisure. Che non saranno poche.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi