iWine a prova di Brexit

Cosa succederà nei prossimi anni nel ricco mercato britannico per gli esportatori italiani di vino italiano?

iWine a prova di Brexit

Teresa May, premier per caso del Regno Unito e favorevole al Remain, ha attivato la Brexit. Cosa succederà nei prossimi anni nel ricco mercato britannico per gli esportatori italiani di vino italiano è terra incognita perché la Gran Bretagna ha deciso di lasciare anche il mercato unico e l’unione doganale. Bere buon vino a Londra costerà sicuramente di più. Magari potrebbe dischiudersi un nuovo mercato a cavallo tra tecnologia e nuovi dazi per servire al meglio i consumatori. Una sorta di Uber del vino iconico o meglio un’offerta iWine per consumatori disponibili a pagare un premio per avere un bene nuovo, esclusivo, in qualche modo unico. Si tratta di capire se i possessori di iPad siano anche un’evoluzione nella specie del consumatore affluente che ha, sì una disponibilità a pagare un premio e a consumare oggetti selezionati, ma che nel farlo non si rivolge più solamente o esclusivamente ai beni premium del passato. Rispondere è tutt’altro che facile perché si tratta di capire se e quanto il fenomeno Apple costituisca una rivoluzione nei comportamenti di consumo che trascende i confini della tecnologia per farsi fenomeno quasi universale. Quello che è assai probabile, è che nel mondo dei possessori globali di iPad potrebbero nascere tendenze uniche di consumo innescate e favorite da comportamenti imitativi all'interno della stessa comunità. Iniziare a pensare un iWine per i consumatori globali premium che si autodichiarano tali attraverso l’acquisto di tecnologia può essere il modo giusto per posizionarsi nella maniera più competitiva nei confronti del segmento più ricco.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi