Cin cin all’app economy

Negli ultimi due decenni l’economia prima s’è fatta new e poi app, cioè un contesto di scambio e di produzione nel quale tutto è integrato in tempo reale con il touch screen del consumatore. La necessità di navigare in rete via web è stata soppiantata dalle app che hanno eliminato pure questa sottile forma d’intermediazione internettica della prima ora.

Negli ultimi due decenni l’economia prima s’è fatta new e poi app, cioè un contesto di scambio e di produzione nel quale tutto è integrato in tempo reale con il touch screen del consumatore. La necessità di navigare in rete via web è stata soppiantata dalle app che hanno eliminato pure questa sottile forma d’intermediazione internettica della prima ora. La cosiddetta impresa digitale è nella realtà una app company: un’azienda che deve e può presidiare tutti i propri bisogni verso i clienti o i fornitori. La app company rappresenta un’importante rivoluzione nella storia del capitalismo. Per la prima volta la tecnologia ha permesso alle singole imprese di “farsi mercato”, nel senso che il progresso dei tablet ha realizzato quello che nel capitalismo degli atomi non era possibile: la profilazione del mercato della singola azienda in tutti i suoi possibili dettagli. La app diventa l’azienda ma, allo stesso tempo, è anche la sottodimensione del mercato caratterizzante l’azienda stessa.

 

Possiedono e utilizzano la app tutti coloro che hanno interesse a intrattenere un qualsiasi rapporto con l’impresa: consumatori, gruppi di clienti omogenei, fornitori, dipendenti. La singola app della singola azienda diventa così un sottomercato digitale specifico e terribilmente sollecitato al continuo confronto e dove si gioca gran parte del vantaggio competitivo delle singole imprese. E le app, come la rete, sono ovviamente senza frontiere e senza barriere. In questa rivoluzione già iniziata vanno analizzati i cambiamenti in divenire anche del settore vinicolo. Certo per le imprese di piccole dimensioni, come normalmente sono quelle del vino, è meno facile seguire le accelerazioni imposte dalla tecnologia, ma è anche vero che offre la possibilità di fare della app una etichetta, una specie di bottiglia digitale capace di offrire una relazione diretta con l’impresa produttrice.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi