Nelle Filippine l'Isis distrugge un'altra chiesa cattolica

Un video diffuso dallo Stato islamico diffuso in rete mostra i militanti del gruppo terroristico abbattere statue e bruciare una chiesa a Marawi. Nel paese cresce l'allarme per la presenza islamista  

Loading the player...

Statue gettate a terra dai piedistalli, la teca che contiene l'immagine della Vergine Maria presa a martellate, il crocifisso preso a calci, i paramenti sacri e le suppellettili buttati tra i banchi. Dura un minuto e cinquantasette secondi il video diffuso dall'Isis che testimonia la profanazione di una chiesa cattolica a Marawi, nelle Filippine. Terra che da settimane ha visto aumentare la presenza islamista, soprattutto per le azioni del gruppo Maute, proclamatosi fedele al califfato. Il 24 maggio scorso, il vescovo Edwin dela Pena aveva dato notizia del rogo appiccato alla cattedrale. Il discusso presidente Rodrigo Duterte ha intanto imposto la legge marziale sull'isola di Mindanao dopo i violenti scontri a Marawi, dove almeno quindici jihadisti del gruppo Maute avevano ingaggiato una dura battaglia con le forze armate governative.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Carletto48

    05 Giugno 2017 - 09:09

    Siccome gli ebrei hanno invaso la palestina, gli islamici, per ritorsione, vogliono invadere qualsiasi nazione che non sia ancora islamica. Vedrete che quando gli ebrei lascieranno i territori occupati, anche queste invasioni e massacri cesseranno e non ci sarà più terrorismo e sopraffazione islamica in altri paesi. Ha fatto molto bene la regina Isabella di Castiglia che ha cacciato tutti gli invasori maomettani dalla Spagna nel quattrocento. Però gli spagnoli moderni hanno permesso loro di farsi di nuovo comunità minacciosa.

    Report

    Rispondi

    • tamaramerisi@gmail.com

      tamaramerisi

      05 Giugno 2017 - 12:12

      Come no: la Palestina (terra rubata agli ebrei dall'Impero Romano, che cosí la chiamò da "Filistei" storici nemici di Israele.) sarebbe la terra promessa degli Islamisti, che nel frattempo massacrano globalmente esseri umani inermi, tutto per colpa degli ebrei. MA MI FACCIA IL PIACERE !

      Report

      Rispondi

    • maurizio guerrini

      maurizio guerrini

      05 Giugno 2017 - 10:10

      Spieghi a se stesso come gli islamici, partendo dall'Arabia, hanno invaso tutto il medio oriente l'Africa del nord, la Turchia e la Spagna, prima del 14 maggio 1948. Non si faccia illusioni sul possibile ritiro degli ebrei dai territori occupati, perché in tal caso la sopraffazione islamica sarebbe davvero inarrestabile.

      Report

      Rispondi

Servizi