E se le primarie più interessanti fossero quelle in corso nel governo?

Arrivare a Palazzo Chigi sarà più semplice per un leader senza voti che con i voti. Il destino che accomuna Renzi, Berlusconi e Grillo

E se le primarie più interessanti fossero non quelle appena concluse nel Pd ma quelle in corso nel governo? Forza Italia ha un leader che non potrà essere candidato a Palazzo Chigi. Il Movimento 5 stelle ha un capo partito che non può essere candidato a Palazzo Chigi. Renzi non ha condanne penali ma ha una condanna politica da affrontare che difficilmente risolverà con questa legge elettorale: il passaggio dall'era della rottamazione all'era della mediazione. E in questa cornice arrivare a Palazzo Chigi sarà più semplice per un leader senza voti che per un leader con i voti. La ciliegina sulla torta di Claudio Cerasa a Night Tabloid

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Nambikwara

    Nambikwara

    05 Maggio 2017 - 19:07

    Mannaggia non funzionava il video prima, 'ho ascoltata e mi è piaciuto: tra l'altro non ha usato la word populismo: W la ciliegina sulla torta.

    Report

    Rispondi

  • Nambikwara

    Nambikwara

    05 Maggio 2017 - 18:06

    Ecco il "duopolio" vincente: Parisi & Calenda. Almeno non sentiremo più la parola populismo.

    Report

    Rispondi

Servizi