La sonda Cassini verso il gran finale

Da oggi al termine della missione prevista per settembre la sonda sarà ancora più vicina a Saturno, "tuffandosi" nei suoi anelli e inviando nuovi e preziosi dati alla Nasa 

Dopo più di vent'anni di missione, la sonda Cassini si avvicina al termine del suo mandato e già da oggi inizierà la fase finale "tuffandosi" negli anelli più vicini a Saturno. In questo modo la sonda esplorerà la regione compresa tra questi e il pianeta, fornendo dati utili a stabilire come si è formato Saturno e se gli anelli che lo circondano sono nati insieme a lui o da una sua luna andata in frammenti. 

 

Nel video pubblicato dalla Nasa sul suo canale YouTube la sonda spaziale viaggia a decine di migliaia di chilometri all'ora mentre compie una delle 22 immersioni pianificate per i prossimi mesi. Dopo la prima immersione pianificata per oggi, ce ne sarà una ogni settimana. 

  

In questi quattro mesi prima del gran finale, programmato per il 15 settembre, la sonda manderà le ultime informazioni e le immagini del pianeta intorno a cui orbita da ormai 13 anni. Nel giorno del suo licenziamento, si tufferà nell'atmosfera del pianeta e si disintegrerà. Lanciata nel 1997, la missione Cassini, è stata una delle più significative nella storia dell'esplorazione del Sistema Solare. Tra i suoi risultati storici c'è per esempio la scoperta dell'oceano nascosto sotto i ghiacci che rivestono Encelado, una luna di Saturno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi