I David di Donatello visti da Mariarosa Mancuso

Il cinema italiano evoca gli Oscar e si autocelebra. Un po' meglio, rispetto agli scorsi anni, le nomination. Ma quando si parla di Marco Bellocchio.... 

Loading the player...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • p.ascari

    28 Marzo 2017 - 11:11

    Adesso però, cara Mancuso, con questa tiritera del cinema italiano che fa schifo, sinceramente un pò a prescindere, ha rotto un pò le balle. La pazza gioia, per quanto mi riguarda, vale moooooooltyo di più di quella banalità di BlaBlaland , da lei celebrato come "film meraviglioso" (ma de che?). La Bruni Tedeschi ha fatto un discorso finale che vale 10 noiose cerimonie dell'Oscar, alle quali tutti vorrebbero Benigni a ravvivare quel mortorio di botox. Quindi va bene stimolare, va bene criticare, però mi pare che lei abbia un pò la fissa Italia=noia, e USA=gran figata. Fissa molto italiana e molto noiosa (questa sì). .

    Report

    Rispondi

    • Eusebio Abbondanza

      01 Aprile 2017 - 18:06

      Totalmente d'accordo con te. Del resto cosa ti vuoi aspettare da un critico che scrive "morte celebrale"?

      Report

      Rispondi

Servizi