Fino alla fine d’Israele. Lunedì nel numero monografico del Foglio

Una settimana con i coloni, gli ebrei “illegali” che il mondo vuole cacciare. Poggiano l’anima sul sedile dell’auto e la riprendono al checkpoint. “Da qui i terroristi controllerebbero l’aeroporto di Tel Aviv”. Sono l’ostacolo alla guerra, non alla pace

Loading the player...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • pietro.parodi2

    22 Gennaio 2017 - 19:07

    Eh, NO, caro Meotti. Io sono in tutto per Israele ma, come TANTI israeliani, penso che questi fanatici siano un pericolo per la sicurezza e per l'esistenza dello Stato. Quando la smetteranno di stare nelle loro comunità chiuse di fanatici religiosi, di approfittare delle leggi troppo generose che li esentano dal servizio militare e gli danno sussidi anche se si rifiutano di lavorare (i maschi), quando smetteranno i comportamenti aggressivi non solo verso gli arabi ma verso gli stessi israeliani normali che non condividono il loro fanatismo, quando obbediranno alel leggi di Israele che vietano che ciascuno si faccia la sua colonia senza alcuna autorizzazione, etc. etc. allora le cose per Israele saranno migliori. Sarà bene ricordare che il sostegno ad Israele deriva dal suo essere uno Stato laico (NON laicista), democratico e rispettoso delle leggi. Se questi fanatici dovessero vincere, sarebbe una teocrazia autoritaria peggiore dei vicini arabi e non meriterebbe più alcun appoggio

    Report

    Rispondi

    • antimomarandola

      antimomarandola

      23 Gennaio 2017 - 19:07

      i TANTI israeliani possono riprovare a farsi contare alle prossime elezioni. Fino ad oggi hanno raccolto consensi del tipo prefisso telefonico. Inoltre fa molta confusione tra i "coloni" e i chassidim. Non dimostra molto sernso democratico quando li definisce "fanatici". Evidentemente di Israele non ha capito molto

      Report

      Rispondi

Servizi