Le conseguenze della vittoria del "Leave" al referendum, spiegate da Cameron

Vincono col 51,9% i sostenitori dell'uscita della Gran Bretagna dall'Unione Europea. Il premier annuncia il passo indietro: "Entro ottobre un nuovo primo ministro guiderà i negoziati".
Dopo la clamorosa smentita dei sondaggi ed il sorpasso dei sostenitori dell'uscita della Gran Bretagna dall'Unione Europea, per circa un milione di voti, il premier annuncia il passo indietro: "Mi dimetto, serve una nuova leadership. Entro ottobre un nuovo primo ministro guiderà i negoziati".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi