Neocapitalismo imperante

Neocapitalismo imperante

La situazione in cui versano le nostre società, oppresse e rese indifferenti dalla menzogna e dalle rappresentazioni astratte, fa capire come sia stato facile, per il neocapitalismo imperante, far passare nell’immaginario collettivo l’idea economicistica secondo la quale l’accentramento della ricchezza nelle mani di pochi gioverebbe a tutti… e come lo strumento più efficace a questi fini sia l’“apertura dei mercati”, la cosiddetta “globalizzazione”. Idea questa suffragata dall’innegabile affermarsi dello sviluppo tecnologico, delle comunicazioni e dei trasporti. Si tratta di un concetto chiave della teoria neoliberista, la quale ha come primo obiettivo la decomposizione degli stati nazionali, la creazione di uno “spazio libero”… in cui gli operatori economici possano agire senza limitazioni di nessun genere, e, soprattutto, essere considerati immuni da qualsiasi responsabilità, come avviene già per i componenti del Meccanismo europeo di Stabilità e come avverrebbe nel piano globale, se venisse approvato il Ttip.

Paolo Maddalena, ex giudice costituzionale, “Gli inganni della finanza. Come svelarli, come difendersene”, Donzelli, 2016

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi