L’oppio dei popoli

La borghesia è tramontata, sostituita da una civiltà fatta da un’élite finanziaria post-borghese che ha dissolto tutte le grandi acquisizioni del mondo borghese

L’oppio dei popoli

Lapo Elkann (foto LaPresse)

La borghesia è tramontata, sostituita da una civiltà fatta da un’élite finanziaria post-borghese che ha dissolto tutte le grandi acquisizioni del mondo borghese. L’illimitatezza sembra essere l’unico orizzonte di senso di questa élite finanziaria post-borghese di cui Lapo Elkann è tragico esponente. Hanno il mito del superamento di ogni limite, sia nell’ambito economico sia nell’ambito della vita. C’è un nesso di profonda assonanza fra il neoliberismo della crescita infinita e spoliticizzata e il neolibertinismo del godimento illimitato dell’individuo sradicato. [...] La droga diventa un modello generalizzato, perché quest’élite finanziaria riesce a imporre il proprio modello all’intera società, anche alle classi che avrebbero tutto l’interesse a opporsi. I giovani sradicati e precari assumono come modello Corona e Lapo Elkann mica Carlo Marx e Gramsci. Si adattano a questo modello anziché contrastarlo. E’ tutto qui il problema, coscienza di classe mancante.

Diego Fusaro, filosofo, Canale 5, Matrix, 29 novembre 2016

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi