Neoliberismo tiepido e pianificato

Con il diminuire di entrate come gli aiuti stranieri e i diritti di transito del canale di Suez, lo stato aveva meno introiti, perciò riduceva la spesa sociale per impedire un eccessivo aumento del debito. Ma intanto i dipendenti statali erano diventati più di 5 milioni, e nessuno osava toccare i su

Con il diminuire di entrate come gli aiuti stranieri e i diritti di transito del canale di Suez, lo stato aveva meno introiti, perciò riduceva la spesa sociale per impedire un eccessivo aumento del debito. Ma intanto i dipendenti statali erano diventati più di 5 milioni, e nessuno osava toccare i sussidi per il gas e l’elettricità. Con questo tiepido neoliberismo, lo stato tradiva tutti: non tagliava abbastanza da compiacere le istituzioni finanziari internazionali, ma comunque quanto bastava per scatenare il malcontento popolare. Non sono stati né l'economia pianificata né il neoliberismo a far scoppiare le proteste contro Mubarak, è stato lo schizofrenico tentativo di mantenere entrambi i sistemi contemporaneamente.

 

Joshua Stacher, Internazionale,
18 marzo 2016

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi