La versione di de Magistris

“Abbiamo spezzato dal basso un sistema liberista, un sistema mafioso. Se vai su social e scrivi ‘se per la questione morale?’ dicono tutti sì, ma per metterti contro la camorra, contro la camorra dei colletti bianchi, il liberismo, i grandi partiti..."

“Abbiamo spezzato dal basso un sistema liberista, un sistema mafioso. Se vai su social e scrivi ‘se per la questione morale?’ dicono tutti sì, ma per metterti contro la camorra, contro la camorra dei colletti bianchi, il liberismo, i grandi partiti, le cricche e le massomafie, devi mettere il corpo umano! Non devi mettere solo click, è facile mettere click! A Napoli si è creata un’esperienza di autogoverno, se ci sono associazioni, ragazzi, comitati, centri sociali, studenti, disoccupati che prendono luoghi abbandonati che sono luoghi di nessuno – vuoi perché di proprietà pubblica perché non ci sono i soldi, vuoi di proprietà privata e abbandonati – io non do l’ordine di sgombero, mi prendo una denuncia e li vado a ringraziare, perché stanno liberando la città! E’ questo l’autogoverno che vogliamo! Questa è la cosa di cui vado più fiero e lo dico a Renzi come lo dico a tutti, e lo dico a me stesso: Napoli è fuori controllo. Perché quando liberi le energie e togli il tappo in una città libertaria, un po’ anarchica, con tanta sete di giustizia e tanta sofferenza, è il popolo che sta trovando la sintesi. E la rivoluzione non la fanno i governi, ma la fanno i popoli. A Napoli sta nascendo uno zapatismo in salsa partenopea, un Podemos partenopeo, non lo so! Lo deciderà il popolo! Viva il popolo!”

 

Luigi de Magistris 20 febbraio 2016

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi