Un Capone anti liberista

Non è frutto del caso se oggi il governo Renzi si ritrova con un pil inferiore alle attese, perché ha pensato di surrogare la politica industriale con il Jobs Act e di abbattere, invece di rafforzare, le ultime tutele rimaste sul lavoro, scelta da cui dipende la debolezza del mercato interno. (…) No

Non è frutto del caso se oggi il governo Renzi si ritrova con un pil inferiore alle attese, perché ha pensato di surrogare la politica industriale con il Jobs Act e di abbattere, invece di rafforzare, le ultime tutele rimaste sul lavoro, scelta da cui dipende la debolezza del mercato interno. (…) Non capiamo a questo punto come possano essere convincenti le pressioni del premier, ribadite ancora oggi al presidente del Parlamento Ue, Martin Schulz, per un’Europa diversa e più sociale, se poi nel suo paese le poche riforme economiche realizzate si situano nel solco del liberismo più sfrenato.

Francesco Paolo Capone, segretario generale Ugl, 12 febbraio 2016

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi