"Unire ciò che il neoliberismo divide"

Sinistra italiana antepone al processo unitario della sinistra la costruzione di un nuovo partito. Noi non siamo d’accordo perché pensiamo che per “unire ciò che il neoliberismo divide” non serva un nuovo partito ma un soggetto unitario plurale, in grado di valorizzare tutte le soggettività sociali,

Sinistra italiana antepone al processo unitario della sinistra la costruzione di un nuovo partito. Noi non siamo d’accordo perché pensiamo che per “unire ciò che il neoliberismo divide” non serva un nuovo partito ma un soggetto unitario plurale, in grado di valorizzare tutte le soggettività sociali, politiche e culturali interessate a sconfiggere il neoliberismo: da Civati ai centri sociali. Continueremo quindi a lavorare per l’unità della sinistra valorizzando il 90 per cento che ci unisce e lasciando fuori dalla porta il 10 per cento che ci divide.

 

Paolo Ferrero, segretario di Rifondazione comunista ed ex ministro della Solidarietà sociale, 12 dicembre 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi