Dimenticate Ionesco, l'assurdo a cinque stelle va in scena al Teatro Gruber

Severgnini, i nasi rotti, Grillo e qualche precedente

Dimenticate Ionesco, l'assurdo a cinque stelle va in scena al Teatro Gruber

Lilli Gruber (foto LaPresse)

In una mano il telecomando, nell’altra l’opera completa di Eugène Ionesco. Che fare? E’ così tutte le sere; e tutte le sere, dopo qualche esitazione, va a finire che mollo sul comodino Ionesco, premo il tasto sette e mi godo una mezz’ora di vero teatro dell’assurdo. Perché leggere “Delirio a due” quando Lilli Gruber mette in scena quegli impareggiabili deliri a tre? Giovedì, per esempio, la pièce era un piccolo capolavoro. Si trattava di aggiustare il pasticcio di Floris, che...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • fabriziocelliforli

    22 Novembre 2017 - 10:10

    Per me ottoemezzo significa ancora e ancora significherà Giuliano Ferrara inarrivabile. La Gruber 2017-2018 è meglio della Gruber 2016-2017 ma un gradino sotto Giuliano

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    12 Novembre 2017 - 11:11

    Otto e mezzo è un modello .........di come non deve essere fatta la tivvù.Di difetti ne ha troppi per elencarli tutti. Con Mentana DiMartedì e Piazzabollita ed altre trasmissione ,La 7 da della realtà una versione deformata sistematica dei fatti politici. Cairo ,che pare imiti le avventure del Cav ed ha certo ambizioni politiche ha dato istruzioni precise ai giornalisti , anti Cav a Renzi . Ha imbarcato Il Fallo Quotidiano con strizzamento di occhi ai 5stelle. Che Cairo volesse una tivvù di bassa caratura e faziosa lo ha mostrato licenziando Antonello Piroso ? luigi de santis.

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    12 Novembre 2017 - 09:09

    In Italia la Storia si ripete prima come farsa e poi come farsa perché abbondano i pagliacci.

    Report

    Rispondi

  • Silvius

    12 Novembre 2017 - 09:09

    Grande Vitiello. La TV è una specie di monolite idiota che, grazie alla totale assenza di contraddittorio e di alternative, sembra popolata da persone normali. Ma è solo un trucco.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi