Di Maio da Vespa e la democrazia totalitaria della scatoletta di tonno

"Il Ventennio degli intellettuali" di Giovanni Belardelli

Di Maio da Vespa e la democrazia totalitaria della scatoletta di tonno

Luigi Di Maio e Bruno Vespa (foto LaPresse)

Ogni volta che vedo un grillino in un talk show – l’ultimo è stato Luigi Di Maio a “Porta a Porta” – mi torna in mente la scena di un vecchio film con Louis de Funès, “Le Grand Restaurant”. E’ quella in cui Monsieur Septime, l’occhiuto direttore del ristorante che fa anche da occasionale maître di sala, illustra la ricetta del soufflé di patate a un cliente tedesco; e a seconda di come fa oscillare la testa in qua o in là, delle ombre cinesi gli disegnano sul volto il ciuffo spiovente e i baffi a spazzolino di Hitler. Cos’era Di Maio quella sera, un cameriere affabile e sollecito, preoccupato solo del cittadino cliente che ha sempre ragione, pronto a porgergli un menu assortito che annoverava il fegato alla Almirante, lo spezzatino di Berlinguer e la tradizionale bouillabaisse delle correnti democristiane? O era piuttosto un caporaletto mellifluo, segretamente roso dal risentimento, ansioso di salire i gradi gerarchici della brigata di cucina da sguattero a mastro di sala? La questione di per sé non ha alcun interesse, e se c’è una cosa che non perdonerò mai ai Cinque stelle e ai turlupinati che li sostengono è l’avermi costretto a occuparmi di loro, ma tant’è.

 

Raccomando ai miei frati weimariani, ordine mendicante per via dei troppi libri comprati, di investire qualche altro obolo – diciannove oboli, per l’esattezza – in una lettura utile a capire che cosa potrebbe prepararsi nelle opache cucine della Casaleggio Associati. E’ un capitolo di un libro di Giovanni Belardelli, “Il Ventennio degli intellettuali” (Laterza), intitolato “Il fantasma di Rousseau: il fascismo come democrazia totalitaria”. L’assalto fascista al parlamentarismo, ricorda Belardelli, attinse a molti arsenali, nell’ambizione di superare il discrimine desueto tra destra e sinistra. Alcuni argomenti li pescò dalla tradizione democratico-radicale, e capitava di trovare in bocca ad autori fascistissimi l’elogio di Rousseau e l’idea del nuovo regime non già come negazione ma come superamento e inveramento dei valori del 1789. Ecco allora, nelle riviste del Ventennio, la contrapposizione tra una “sovranità del popolo” che si esaurisce “nel gittare ogni dato numero di anni una scheda in un’urna e poi chi si è visto si è visto”, e la “vera e compiuta democrazia” fascista, promotrice di una “vitale immedesimazione” nello Stato che passa, tra le altre cose, per le manifestazioni di piazza e la sanzione plebiscitaria (di decisioni già prese altrove).

 

O anche, in un gioco di ombre cinesi: “La stella polare che ha sempre guidato il nostro programma politico è la volontà del popolo”; perché “o voi immettete il popolo nella cittadella dello Stato, ed egli la difenderà; o sarà al di fuori, ed egli la assalterà”. Con la solita gente asserragliata nella scatola di tonno del Parlamento “non vogliamo avere nulla a che fare, (…) né con quelli che si dicono di sinistra, né con quelli che si dicono di destra”. Solo così potremo creare “una democrazia accentrata, organizzata, unitaria, nella quale democrazia il popolo circola a suo agio”. Le citazioni, alternate, provengono dal cosiddetto discorso dell’Ascensione di Mussolini, 1927, e dal post di sabato scorso sul blog del capocomico.

 

Fratelli weimariani, stiamo più a lungo possibile nel nostro refettorio, dove i pasti sono frugali ma decenti; perché qualunque cosa si prepari in quelle cucine segrete, ha tutta l’aria di un pasticcio immangiabile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    24 Giugno 2017 - 12:12

    Le analisi e i giudizi su i 5stelle sono labili , il movimento è costituito da aria fritta di qui l'impossibilità ad agguantare il loro pensiero che non è sfuggente è impalpabile . La foto del giornale di Di Maio lo mostra raggiante sprizzante gioia sicurezza ,come non riesce a nessun loro competitor. Pare quasi che Vespa stia per fare quello che il Vespone di Striscia fa di solito,baciare la mano. E il comico è proprio qui,in tutte le comparsate televisive dei gemelli in Grillo l'impressione è sempre la stessa ,che il conduttore abbia una deferenza inspiegabile tanto che ogni loro comparsata si trasforma in un riuscito spot elettorale. Non sono da meno i grillini di seconda fila. Loquacissimi aggressivi spericolati argomentatori difficile interromperli, difficile metterli alle strette (solo Porro il che conferma la regola) trovano sempre una tangente per sfuggire alla trappola . Sono bravi, hanno lanciato un masso enorme nell'acqua stagnante del politichese italiano.

    Report

    Rispondi

Servizi