Zoro e Gazebo traslocano a La7. È iniziata la grande fuga dalla Rai?

Ufficializzato il passaggio da Rai Tre all'emittente di Urbano Cairo. Ora occhi puntati su Fabio Fazio. E domani dovrebbe arrivare il nuovo direttore generale

Zoro e Gazebo traslocano a La7. È iniziata la grande fuga dalla Rai?

Diego Bianchi in arte Zoro (foto LaPresse)

Sono settimane che se ne parla ma ora, dopo le dimissioni di Antonio Campo Dall'Orto e in attesa di sapere cosa succederà nel Cda di domani che dovrebbe nominare il suo successore, in Rai sembra iniziata la grande fuga. Il primo a lasciare è Diego Bianchi, in arte Zoro. Che insieme al resto della squadra di Gazebo, traslocherà da RaiTre a La7.

 

Un passaggio previsto soprattutto dopo che Andrea Salerno, coautore della trasmissione, è stato nominato nei giorni scorsi direttore dell'emittente di Urbano Cairo. Oggi, però, è arrivata l'ufficialità. “Diego Bianchi, in arte Zoro - si legge in una nota -, entra a far parte della squadra de La7 dalla prossima stagione per nuovi progetti televisivi”. 

 

 

Ma l'addio di Zoro potrebbe essere solo il primo. Dopo l'ultima puntata di Che tempo che fa, infatti, anche Fabio Fazio sembra ormai destinato a cambiare “casa”. “Ringrazio tutti, – ha detto il conduttore chiudendo la trasmissione – ma proprio tutti gli amici e colleghi che mi hanno accompagnato in questa edizione. Ho iniziato questo lavoro in Rai quando avevo 19 anni. Ho fatto programmi e esperienze bellissime, sarò sempre grato a coloro che mi hanno accolto 33 anni fa. Ora sono quasi tutti in pensione, è rimasto solo il Cavallo, con il quale peraltro ho sempre avuto un ottimo rapporto. Abbiamo fatto cose molto belle insieme: Quelli che il calcio, Anima mia, Vieni via con me, quattro Festival di Sanremo, Rischiatutto, la serata dedicata a Falcone e Borsellino. Il mio percorso professionale coincide con la Rai e la storia di questa azienda, e tra poco vedremo se è reciproco, con allegria e spensieratezza. Noi in ogni caso ci rivedremo, Che tempo che fa continuerà. Voglio sinceramente ringraziare il pubblico, che per me si scrive con la P maiuscola. Viva il pubblico, viva la Rai, viva il Cavallo”.

In quel “tra poco vedremo se è reciproco” in molti hanno letto un riferimento fin troppo chiaro al fatto che Fazio è nel pieno della sua trattativa con Viale Mazzini. Come finirà?  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo.trinchi

    06 Giugno 2017 - 22:10

    Vadano. Fanno ascolti da zero virgola. Aspettiamo l'uscita milionaria di Fazio e le sue gag da pena. Che si portasse la Litizzetto. Sarebbe una goduria per noi pagatori. Via tutti e meno sprechi. Compreso il canone appioppato all'utenza che non arriva alla fine del mese. Qualche sondaggio per vedere e credere che è così. Chi dice o sostiene il contrario mente sapendo di mentire.

    Report

    Rispondi

  • Caterina

    Caterina

    05 Giugno 2017 - 20:08

    Delle persone nominate conosco solo Fazio, imitatore spalla della Goggi, riesumatore dei Cugini di Campagna e cravatte orrende. Mi sono persa qualche cosa di importante?

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    05 Giugno 2017 - 19:07

    Zoro non lo ricordo in altri programmi altro che Gazebo ,un programma molto più in basso dei nazional popolari che predicava il maestro di tv Pippo Bauto. Sto Zoro ha una dizione grossolana rozza vagamente romanesca . Ripulito e ben addestrato ricorda i ragazzi de vita di Pasololini . Pesca a mani basse negli archivi Rai riproponendo l'anti berlusconismo in chiave anti Renzi . E' un bene che vada a La7 cloaca massima che accoglie a braccia aperte qualunque stramicione che appare in tv. Una cloaca minor per finti intellettuali finti giornalisti finti politici- Caro Urbano.Cairo e tu li paghi.Ma ti diverti a vedere la tua tv se sei descritto come la racconta il Foglio?

    Report

    Rispondi

  • Giovanni Attinà

    05 Giugno 2017 - 18:06

    Questi"traslochi" non fanno né caldo, né freddo, compreso quello di Fazio, anzi quest'ultimo soprattutto.

    Report

    Rispondi

    • carlo.trinchi

      06 Giugno 2017 - 22:10

      Bravo. Che se ne andassero e chiudessero un canale. Più risparmio e, forse, abolizione del canone. Utopia? Forse.

      Report

      Rispondi

Servizi