Coca-Cola 1 – Report 0

Il format della tv giustizialista perde colpi (con o senza Gabanelli)

Coca-Cola 1 – Report 0

Foto Sipa USA

Due indizi non faranno una prova, ma di certo costituiscono il segnale evidente che un certo tipo di format televisivo è logoro e stanco. Se un anno fa era stata Eni a incrinare la fiducia in “Report”, utilizzando Twitter per produrre informazioni che contrastavano con le affermazioni della trasmissione sulle presunte tangenti pagate in Nigeria (il suo #enivsreport è entrato nei libri di studio delle strategie di comunicazione), lunedì sera ci ha pensato Coca-Cola a ribadire che la tv giustizialista anche in Italia ha le ore contate. Il suo #NienteDaNascondere, con il quale venivano prodotti in diretta i dati che confutavano l’inchiesta di “Report”, segna un altro punto a favore della organizzazione aziendale sui programmi che intendono fare tendenza esclusivamente mescolando giudizi di valore, opinioni, dati rabberciati e approssimativi con un unico obiettivo: screditare il “cattivo” di turno. Per venti anni nessuno ha osato mettere in dubbio la veridicità delle fonti e il valore delle informazioni (Moncler, che non aveva ideato alcuna strategia di contrasto a Report, perse il 4,9 per cento in Borsa dopo la puntata sulle oche spennate e i falsi piumini prodotti in Transnistria). Eni, attraverso una strategia aziendale, ha rotto un muro di silenzio. Ora Coca-Cola interviene per alimentare ulteriori crepe in quel muro. Il format di “Report”, dopo vent’anni e privo di Milena Gabanelli (la giornalista annunciò che avrebbe lasciato la conduzione del programma dopo la débâcle ad opera di Eni), sembra essersi sbiadito.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    05 Aprile 2017 - 17:05

    il segreto di Gabbanelli con report ha avuto successo per aver studiato a fondo le sceneggiature perfette di film americani di denuncia della loro corruzione casalinga ed aver riproposto lo schema nelle sue inchieste . Solo che nei film americani ci sono ricostruzioni posticce diffamazione e infinite suggestioni ed di tutto un pò ma i personaggi sono immaginari , Gabbanelli invece con le sue sceneggiature incalzanti il viso duro e la bocca atteggiata a schifo , come si dice , ha inzuppato il biscotto nel mare magnum dei cittadini in spe della protesta , mare giusto 'fabbricato ' dai tanti gabbanelli in circolazione

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    05 Aprile 2017 - 13:01

    ma i diffamati fanno poi cause milionarie per risarcimento da danno di immagine o no?

    Report

    Rispondi

Servizi