Lingue, bolliti e oscenità americane nell'ultima noiosa puntata di MasterChef

Questa edizione sembra l'Isola dei famosi: tanti sbadigli. Per fortuna c'è il severissimo giudizio del Gran Consiglio della Confraternita del Gran Bollito misto alla piemontese

Mahatma
Lingue, bolliti e oscenità americane nell'ultima noiosa puntata di MasterChef

foto: Ufficio stampa Sky

MasterChef è diventato un po’ come l’Isola dei Famosi. Alla sesta volta che lo vedi, ti accorgi che le idee sono finite. Già quest’edizione non passerà alla storia, ma non è che le prove siano proprio originali. La prima puntata, solo sbadigli. Ok le calorie, ok la voglia di far dimagrire Cannavacciuolo, ma la gara con i tre chef a cucinare roba americana valutata da Bastianich è quanto di più visto e rivisto potesse esserci. L’unica cosa interessante è stata l’uscita di Gabriele, il sudato architetto torinese, che poverino era già andato oltre le sue umanissime possibilità, specie se consideriamo che Giulia è già fuori da una settimana. Fatale, per lui, aver cucinato la farina “come la colla quando fai le piastrelle in bagno” (copyright Joe).

Più brio nel secondo episodio, se non altro per il clima surreale dei poveri cuochi dilettanti mandati a spadellare davanti al Gran Consiglio della Confraternita del Gran bollito misto alla piemontese. Sì, esiste. Anche i piemontesi che sono lì al Foglio confermano, specialisti come sono nel mangiare lingue di mucca e testine. Sulla cottura non parliamone proprio, l'amico Cicchetti, una sorta di Raspelli esperto di carne, sarebbe stato indignato. Severissimi i confratelli, addobbati come fossero dei cardinali conservatori con strascichi e struzzi ed ermellini. Il Gran Priore, poi, austero come neanche un giudice del Processo di Norimberga, declamava passeggiando tra i corridoi del castello: “Culatta!” e tutti dietro a ripetere “Culatta!”, e poi “Cotechino!” e giù tutti a dire “Cotechino!”. Tutti, poi, intenti a guardare “il taglio delle carni”, quindi la cottura delle istesse. E al grido “sembra roastbeef” l’indignazione della Confraternita è stata corale. Unanime. Bocciati tutti, un po’ perché la lonza era al sangue, un po’ perché “il cavolo era crudo, non bollito!”. Oh, il bollito in Piemonte è roba seria, altro che “tagliare le patate in quarti” come commissionato a Margherita dall’acida Gloria. Margherita, poi sconfitta, non ha trovato di meglio che dire che “la Confraternita è maschilista” e per questo ha premiato Michele.

 

Pressure interessante, sempre con il bollito a dominare. Gloria determinata a far fuori tutte le altre (e ce la fa, ahimé), Margherita che compone un’insalata che fa esclamare Barbieri: “Sembra quasi un cimitero, con tutti questi fiori”. Comunque, la prova finale, è a base di panzerotti (tanto per variare un po'). Niente di che, ma fuori ci va Michele il becchino. Margherita, con le sue vocali aperte, ce la terremo ancora un po'.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • info

    17 Febbraio 2017 - 18:06

    Purtroppo si è perso il senso del buongusto ( in senso culinario ), si celebra il cuoco invece della cucina, si servono porzioni da anoressici che per nascondere il vuoto nel piatto lasciato dalla porzione da fame si inventano l' "impiattamento" quando invece il cibo si presenta da sè....se guardate un carrello pieno di bolliti e salse capite cosa intendo dire, la commozione difronte a tale spettacolo sorge nel cuore, altro che l'impioattamento! Poi non parliaamo delle disperate combinazioni di ingredienti assurdi tra loro, liquirizia, cioccolato, ginseng ecc. La nuova generazione di grandi cuochi ha ridotto la cucina ad un teatrino per GASTROFIGHETTI! Per questo motivo oramai i loro programmi assurdi come Masterchef stanno passando, torneremo finalmente a celebrare il cibo e non chi l'ha cucinato !

    Report

    Rispondi

  • Giovanni Attinà

    17 Febbraio 2017 - 09:09

    Tutti questi chef vanno solo alla ricerca della visibilità, ma la vera cucina è quella di tante casalinghe che preparano piatti prelibati, senza discettare su "sbollettature", "sfilettamenti" e così via.

    Report

    Rispondi

Servizi