E la crisi politica della Silicon Valley?

I giganti tecnologici hanno molti problemi, l’economia non è uno di essi

E la crisi politica della Silicon Valley?

Ve la ricordate la crisi dei giganti della Silicon Valley? Fino a un paio di giorni fa sembrava verosimile. Tutti i grandi settimanali americani e non solo le hanno dedicato almeno una copertina. Si susseguivano i retroscena sulle crisi di coscienza di Mark Zuckerberg e compagni, la pubblicazione continua di documenti su come gli agenti russi avessero sabotato le elezioni via social, i resoconti delle arcigne sedute alla commissione Intelligence del Congresso in cui i rappresentanti legali di Facebook, Twitter e Google erano torchiati, le descrizioni del lavoro di lobby con cui le società tech hanno cercato di contrastare le conseguenze legislative della crisi, arrivando perfino a mobilitare a Washington una superstar come Sheryl Sandberg. C’è una crisi di fiducia irreversibile, si diceva, ormai anche gli utenti si sono accorti che la macchina di profitti della Silicon Valley è basata su un meccanismo perverso, ci saranno conseguenze a livello di legislazione, l’Unione europea si è già mossa con le sue potenti cause antitrust. Poi escono – giusto in questi giorni – le trimestrali dei giganti tech e la crisi, improvvisamente, sembra non esserci mai stata. Tassi di crescita a doppia cifra, profitti che si moltiplicano, utenti che rimangono fedeli. Google (Alphabet), Twitter, Amazon e Microsoft (manca Facebook, ma arriverà) hanno pubblicato tutti risultati economici eccellenti. La crisi, per quanto più che giustificata, è esistita solo sulle copertine dei settimanali americani o, quanto meno, non ha avuto conseguenze reali. Così la bolla della Silicon Valley può pure continuare a gonfiarsi, mentre quella dell’indignazione è scoppiata. Il rapporto tra tecnologia e resto del mondo va governato da nuove regole, ma per ora la Valley non ne sente il bisogno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi