Paint è morto, viva Paint

Il programma di Windows è antimoderno e inutile, perciò indispensabile. Viaggio nel controsenso di un software diventato oggetto di culto proprio quando doveva sparire

Paint è morto, viva Paint

Trentadue anni dopo Windows potrebbe dire basta, niente più aggiornamenti a Paint, e questo era previsto, e forse niente più Paint. Con l’aggiornamento autunnale di Windows 10 infatti il programma dovrebbe essere incluso nella lista di software da eliminare.  E’ il progresso, bellezza. L’avanzamento tecnologico che per far spazio a programmi funzionali cancella quelli che più non lo sono. E Paint non lo è più da tempo, un antesignano dei programmi di grafica che non regge il passo né dei moderni software per il disegno computerizzato, né tantomeno di Photoshop e dei suoi cloni di elaborazione digitale delle immagini. Un vecchio arnese della tecnologia, ormai del tutto inutile, perché obsoleto, perché incapace di offrire quei servizi necessari ad un’elaborazione dignitosa dell’immagine. E proprio per questo eccezionale.

 

Paint è un paradosso. Non serve, non aiuta, anzi a volte complica, non è indirizzato al lavoro e quindi si è fatto strumento perfetto, quasi indispensabile per i social network. E’ l’esemplificazione digitale di quello che Renzo Arbore chiamò “l’immancabile e insostituibile necessità della bellezza del brutto”, che non è solo il kitsch, è più, è il disutile, “il falso che è meglio del vero perché non appassisce, come i meravigliosi fiori di plastica”.

 

Paint proprio nel momento in cui doveva sparire, superato da software avanzati e sempre più funzionali, è tornato a essere usato. Una seconda vita che nasce dalla sua perfetta inutilità e facilità d’uso. Un gesto di resistenza inconsapevole, che si è trasformata in un riflusso, in un diluvio di disegnini brutti, fatti in pochi secondi, con tratto incerto, diventati poi meme, virali, essi stessi indispensabili come un social network. Si è trasformato in uno strumento di memizzazione di massa. E poi, visto che già c’era, di arte. Pat Hines ci ha illustrato un libro, dieci anni di lavoro pixel dopo pixel, Hal Lasko è finito al MoMa, Giorgio Fogazzà in una mostra al Peggy Guggenheim di Venezia. Perché anche il brutto e l’inutile “ha una sua doverosa dignità”, scrisse Milan Kundera.

 

E così parafrasando le Cinnamon degli Offlaga Disco Pax, a Paint “e a tutti i compagni caduti bisognerebbe dedicare una piazza davanti” ad un negozio di elettronica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Giovanni

    25 Luglio 2017 - 18:06

    Ho ancora il Commodore 64. Qualche tempo dopo venne fuori il Commodore Amiga 1000 che lavorava con il mitico Motorola 68000 e i suoi tre chip dedicati Denise, Agnus e Paula capaci di generare da 32 a 4096 colori, musica e video animati come mai si erano visti in un desktop. I Windows erano ancora a fosfori verdi e gli Apple erano monocromatici e non avevano la capacità di generare ne musica ne video. Per un breve lasso di tempo sembrò che l'Amiga potesse soppiantare i due big. Invece no e fu lentamente l'Amiga a sparire. Ogni tanto accendo le due macchine con un po' di malinconia. Sul Commodore 64 che aveva implementato un semplice linguaggio Basic avevo realizzato un programma per gestire il lavoro in camera oscura, altra mia passione,A seconda della pellicola che dovevo sviluppare lui mi dava automaticamente i tempi e mi avvertiva con un cicalino invece sull'Amiga 1000 avevo realizzato dei video a cartoni animati. Ancora funzionano e ogni tanto io e loro ci facciamo una chiacchierata

    Report

    Rispondi

Servizi