Oltre il dibattito sterile sui robot c'è il solito mondo che avanza

Ragionare sulle conseguenze dell'uso della tecnologia sul mercato del lavoro rischia di essere un esercizio inutile. Mentre si combatte la guerra dei numeri, dell’allarmismo o dell’ottimismo, i processi socioeconomici non si fermano 

Oltre il dibattito sterile sui robot c'è il solito mondo che avanza

Foto LaPresse/PA

Roma. Dopo che l’americana BlackRock ha deciso di usare i computer per guidare i suoi fondi azionari, è ormai chiaro che un nuovo spettro si aggira per il mondo. Non si tratta del comunismo, ma dell’algoritmo, più in generale della tecnologia, dei robot, e delle relative conseguenze sul lavoro. C’è poco di nuovo in questo incubo contemporaneo, tanto che si potrebbero riempire manuali analizzando le teorie elaborate negli anni. Il tema sta generando uno scontro dialettico tra le posizioni di chi vede imminente la fine del lavoro e chi vede nella tecnologia una possibilità di rinascita, se non di liberazione dell’uomo dal peso del lavoro. Il limite del dibattito sta però nel fatto che mentre si combatte la guerra dei numeri, dell’allarmismo o dell’ottimismo, i processi socioeconomici non si fermano. E non si fermerebbero neanche se si pensasse di avere una risposta definitiva sulle previsioni.

 

Alla luce di questo scenario è interessante uno studio rilanciato dal National bureau of economic research degli Stati Uniti: due economisti del Mit, che lo scorso anno pubblicarono un paper dal sapore molto diverso, analizzano l’impatto dei robot sull’occupazione negli Stati Uniti dal 1990 al 2007. I risultati mostrano un impatto negativo su tutte le professioni considerate e per tutti i livelli di istruzione. Gli studiosi isolano le conseguenze dei robot da quelle dell’importazione di merci dalla Cina, dalle delocalizzazioni, dal declino dei lavori routinari e giungono a sostenere che un nuovo robot ogni mille persone riduce il rapporto tra popolazione e occupati per una cifra tra lo 0,18 e lo 0,34 per cento. Lo studio offre pochi alibi a coloro che difendono la tecnologia con argomenti deboli. Allo stesso tempo, però, male farebbero gli allarmisti a usarlo come arma di diffusione di massa di pessimismo tra i lavoratori. Al contrario, questi dati ci aiutano a capire quale non sia il problema. E il problema oggi non è scoprire se e quanti lavori spariranno né indagare se la tecnologia possa avere impatti negativi sui lavori esistenti.

 

Basta uno sguardo sull’evoluzione dei settori produttivi negli ultimi 150 anni per vedere come proprio la tecnologia, insieme a decine di altre dinamiche, abbia ridotto l’occupazione prima nell’agricoltura, poi nella manifattura e, dopo ancora, in alcuni servizi. E così continuerà a essere. Il problema è che si costruisce un dibattito su un mondo che non c’è più. Ragioniamo di posti di lavoro mentre questo si muove verso collaborazioni, cicli, logiche di rete tra imprese. Lo aveva intuito Marco Biagi già 15 anni prima che il Jobs Act riproponesse la centralità del lavoro subordinato a tempo indeterminato che è stato il paradigma del Novecento industriale e della fabbrica nordista. Utilizziamo suddivisioni geografiche chiare e nette, quando le global value chains si scompongono e ricompongono quotidianamente. Facciamo analisi delle professioni quando i lavori nascono e muoiono con una fluidità imprevedibile. Per non parlare dell’incidenza oggi nei mercati del lavoro della demografia, delle problematiche ambientali, delle nuove preferenze individuali, che incidono tanto e più della tecnologia. Insomma, pare che fissare il dito ci stia facendo perdere di vista la luna, e tutte le maree che muovono flutti che cerchiamo di fermare con mani vecchie. Con questo non si vuole continuare il benaltrismo con altri mezzi, ma disancorare un dibattito che è dannoso e sterile in termini di idee e proposte. Siamo di fronte a un cambiamento storico, che come tale non può essere lasciato in balìa di mani invisibili sempre più riconoscibili o di stati nazionali animati da protezionismo e desiderio di conservazione. Occorrerebbe ripartire dall’osservazione dei fatti, dal dialogo con i sistemi produttivi, coi corpi intermedi, le imprese e i lavoratori. Potremmo scoprire che qualcuno è già più avanti di noi, e non è un robot.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Nambikwara

    Nambikwara

    17 Aprile 2017 - 11:11

    Corollario per lo studioso articolista, che leggo, è di Bergamo: a Costavolpino ( ultimo paese della Provincia, poi comincia Brescia) nello stabilimenti Dalmine (1985), per la prima volta credo in Europa in ambiente metalmeccanico (tubi di precisione) fu dato agli operatori delle stazioni di esercizio (taglio, trafila, estrusione etc) uno strumento digitale (penna ottica e bar-code) al fine di conrollare l'avanzamento dei prodotto nei vari processi: il tutto con rete PC intranet locale. L'unico problema fu umano: dovemmo semplicemente dire agli operatori nella strisciata della penna su carta (bar code), di usare una monore pressione. Sia i concorrenti tedeschi che francesi non erano arrivati a tanto: i tedeschi hanno avuto la fortuna di avere Schroeder nei primi anni 2000 (inizio 4.0) e noi no.

    Report

    Rispondi

  • Nambikwara

    Nambikwara

    17 Aprile 2017 - 11:11

    Purtroppo non ho molti digit per il tema " Organizzazione del lavoro" che ha lo stesso significato di "Industrial engeneering" ma con più pregnanza: dal secondo termine ascoltiamo il madre lingua Bil Gates che auspica la tassa sui "robot" ovvero tassare gli strumenti (per esempio la zappa per il vecchio farmer americano e non il grano prodotto finale) ; dal primo termine ascoltiamo qualcuno che in italo molisano auspica il "lavorare meno per lavorare tutti" e, quindi, "W l'ozio" portato dalla robotica.Entrambe gli esempi dimostrano come troppi digit per uno e troppi talk per l'altro rallentino, i neuroni. Siamo in una epoca di cambiamento accellerato che nasce nei primi anni 80 ;tre esempi 1)passaggio da agricoltura super intensiva a una di precisione (droni in campo e manutenzione mirata"alla zolla";2) manifattura 4.0 processi(manutenzione) e servizi (scompare il "prodotto"ma si attiva il servizio) 3 apprendimento e uso dei saperi da 4 a n anni(non "scuola"come sedimenti di saperi).

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    16 Aprile 2017 - 13:01

    non entro nel dibattito informatica/robotica-perdita di posti di lavoro,però frequentando Mirafiori negli anni 1970 ricordo che tra Fiat ed indotto sbarcavano il lunario 500mila lavoratori.Chiedere a G.P. Pansa che andava all'epoca a fare il curioso nella bottega di Giuanin il metallurgico ( nick name coniato da i suoi colleghi confindustriali ) . Oggi quanti ?

    Report

    Rispondi

Servizi