Che noia la retorica di chi dice che i ragazzi sono zombie drogati da smartphone

Da quasi dieci anni, a intervalli semi regolari escono sul tema libri allarmistici, ricerche pseudoscientifiche, documentari angoscianti: gli schermi led degli aggeggi tecnologici stanno trasformando i nostri bambini in drogati

Eugenio Cau

Email:

cau@ilfoglio.it

Che noia la retorica di chi dice che i ragazzi sono zombie drogati da smartphone

Foto di sc.lover via Flickr

Contenuto disponibile solo per utenti abbonati

Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati. Se sei già nostro cliente, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione in alto a sinistra. Se non sei abbonato, che aspetti? Abbonati subito.

Scopri tutte le offerte per entrare nel Foglio

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • maurizio guerrini

    maurizio guerrini

    20 Marzo 2017 - 17:05

    E' impressionante constatare come una generazione intera abbia smarrito il senso della vita e della sua crescita nell'educazione. E non mi riferisco ai ragazzi, ma a noi, i loro genitori.

    Report

    Rispondi

  • mauro

    19 Marzo 2017 - 23:11

    Certo che con lo smartphone si lavora e s'intessono relazioni, il guaio è che i ragazzini non devono lavorare e intessono relazioni con la compulsività.

    Report

    Rispondi

Servizi