Collaborazione e flessibilità, il robot diventa il migliore collega di lavoro

Per approfondire i vantaggi che si possono ottenere da una collaborazione diretta tra uomo e robot nei processi produttivi, oggi si è svolto il workshop 'Il mio collega robot. Tecnologia che supporta l'uomo, non lo sostituisce'.

Collaborazione e flessibilità, il robot diventa il migliore collega di lavoro

Collaborazione e flessibilità: così il robot diventa il migliore collega di lavoro dell'uomo. Per approfondire i vantaggi che si possono ottenere da una collaborazione diretta tra uomo e robot nei processi produttivi, oggi si è svolto il workshop 'Il mio collega robot. Tecnologia che supporta l'uomo, non lo sostituisce'. L'iniziativa è stata organizzata da T2i-trasferimento tecnologico e innovazione, società consortile per l'innovazione delle Camere di commercio di Treviso-Belluno, Verona e Venezia Rovigo Delta Lagunare, e Bnp srl, azienda veneta specializzata nella realizzazione di prodotti per migliorare l'ergonomia delle postazioni di lavoro in ambito industriale.

 

Sono stati, inoltre, presentati i casi aziendali di Bnp srl, specializzata nella fabbricazione di robot collaborativi, e Anodica Trevigiana, realtà d’eccellenza che utilizza la robotica collaborativa per ottimizzare i processi produttivi. "Due le facce (entrambe positive) delle applicazioni della robotica -è stato detto- per le aziende. Da un lato, la robotica collaborativa è sinonimo di flessibilità, produttività e immediatezza, ma anche di dubbi e paure dovute alla poca applicabilità di queste tecnologie in contesti industriali tradizionali. Anche se l'ampio spettro delle applicazioni robotiche, quella collaborativa in primis, è di facile accesso anche per aziende non di grandi dimensioni e porti vantaggi concreti mantenendo comunque la centralità dell'operatore umano".

 

Dall'altro lato, si è precisato, "la robotica avanzata, la scienza che studia robot con spiccate caratteristiche di autonomia che operano in ambienti non strutturati o scarsamente strutturati, non pone limiti alle applicazioni". "Il seminario ha, quindi, posto l'accento su alcuni aspetti quali l’intelligenza artificiale e l’auto-apprendimento dei robot, su cui si stanno concentrando sempre più le ricerche nel campo della robotica.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi