Auto senza pilota, consumatori pronti a lasciare il volante

Secondo l'edizione 2016 dell'Osservatorio Findomestic Auto, secondo cui l’automobile autonoma al 100 per cento sarà una vera e propria realtà per tre automobilisti su quattro.
Auto senza pilota, consumatori pronti a lasciare il volante

Roma, 29 lug. (AdnKronos) - Gli automobilisti sono pronti a lasciare il volante e ad affidarsi ai progressi tecnologici di automatizzazione. E' quanto emerge dall'edizione 2016 dell'Osservatorio Findomestic Auto, secondo cui l’automobile autonoma al 100% sarà una vera e propria realtà per tre automobilisti su quattro. I paesi emergenti sono tra i più ottimisti, con oltre l’85% di risposte positive (Cina 92%, Messico 87%, Brasile e Turchia 86%), mentre giapponesi (63%), britannici e americani (61%), sebbene pionieri del settore, sembrano mostrare più riserve quanto alla possibilità di vedere lo sviluppo di questo concept.

 

Se 3 consumatori su 4 credono che l’auto autonoma sarà presto una realtà, più di un automobilista su due ne è attratto e si dichiara interessato all’utilizzo dell’automobile autonoma (55%), con ancora una volta percentuali record registrate nei paesi emergenti (in particolare, in Cina: 91%). La transizione, dunque, si prospetta più lenta nei paesi in cui l’automobile tradizionale è già ben radicata nello stile di vita anche se occorre sottolineare come in Italia, paese dalla forte tradizione automobilistica, il 65% dei consumatori (il 10% in più rispetto alla media), è già proiettato verso l’auto autonoma.

 

I giapponesi, che sono invece meno numerosi rispetto alla media a credere alla realtà dell’automobile autonoma, si mostrano comunque attratti, con il 54% di potenziali utenti (contro una media del 55%). A differenza di America e Gran Bretagna, dove sarà verosimilmente più difficile attirare il grande pubblico fino a quando tecnologia e legislazione non avranno fatto dell’automobile autonoma una realtà.

 

L’auto del 2025, dunque, avrà un pilota? No, stando ai consumatori. L’81% degli automobilisti spera di utilizzare un’automobile autonoma al 100% entro 10 anni, il 52% ipotizza persino entro 5 anni. In Brasile e in Messico, a più di un terzo degli automobilisti piacerebbe poter lasciare il volante entro due anni (rispettivamente il 35% e il 36%, rispetto alla media del 20% dei 15 paesi), oltre due terzi entro 5 anni (rispettivamente il 67% e il 74% rispetto a una media del 52%).

 

In Cina e in Turchia, la fretta si fa sentire poco di meno, in quanto il 60% dei consumatori spera di salire a bordo di un’automobile autonoma al 100% prima del 2020. Spagnoli e italiani a parte, gli utenti potenziali dei paesi con mercati automobilistici maturi (Europa, Stati Uniti, Giappone) sembrano più prudenti relativamente alla data in cui l’automobile autonoma al 100% arriverà al grande pubblico.

 

Agli occhi dei tedeschi, la strada sembra particolarmente lunga, in quanto il 70% di loro pensa di non utilizzare questi veicoli prima del 2020 e il 36% prima del 2025 (rispetto alla media rispettivamente del 48% e del 19% nei 15 paesi).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi