Facebook è da vecchi, i giovani non lo usano più. Sbagliato

Una ricerca del Pew research center mostra che la notizia della morte del social network di Mark Zuckerberg era fortemente esagerata
Facebook è da vecchi, i giovani non lo usano più. Sbagliato

Mark Zuckerberg alla conferenza per gli sviluppatori F8, tenuta a San Francisco lo scorso mese (foto LaPresse)

“Per noi è morto. Facebook è qualcosa che avevamo tutti alle scuole medie perché era figo, ma oggi è visto come una strana cena di famiglia da cui non possiamo andare via. E’ strano e a volte può anche essere fastidioso avere Facebook. Ma detto questo, se non hai Facebook è ancora più strano e fastidioso”. Andrew Watts, studente all’Università  del Texas, ha scritto a gennaio un articolo diventato poi virale intitolato “La visione di un teenager sui social media – Scritta da un vero teenager”. A leggerlo, sembrava che Facebook fosse spacciato: Facebook ce l’abbiamo, ma non lo usiamo, sono Snapchat, Instagram i social in cui noi ragazzi ci sentiamo davvero noi stessi (l'opinione del teenager Watts era ancora più terribile su Twitter: “A essere onesti, un sacco di noi semplicemente non capisce a cosa serva Twitter”, scriveva).

 

Le dichiarazioni di morte di Facebook sono un grande classico del giornalismo tech, ogni flessione in Borsa e ogni successo dei concorrenti sono buoni per dichiarare spacciata la creatura di Mark Zuckerberg. Nei mesi scorsi, quando si diffuse la notizia che Facebook aveva tentato, fallendo, di acquistare Snapchat, tutti iniziarono a speculare sul calo di utenti che il social network stava rischiando soprattutto tra i giovani, tra i teenager: ormai anche la nonna ha un profilo su Facebook, si diceva, e i ragazzi scappano da un’altra parte.

 

Ieri però un’ampia ricerca del Pew research center ha mostrato che – ancora una volta – la notizia della morte di Facebook tra i giovani era fortemente esagerata. “Facebook è il social media più popolare e frequentemente usato tra i teenager”, scrive il Pew, che ha fatto un sondaggio tra i giovani americani tra i 13 e i 17 anni. Il 71 per cento dei ragazzi usa Facebook, contro il 52 per cento che usa Instagram e il 41 per cento di Snapchat. Soprattutto, Facebook è il social network più usato dal 41 per cento dei ragazzi. Solo il 20 per cento degli intervistati usa Instagram come social principale, e l’11 Snapchat.

 

Un altro dato interessante è quello che riguarda le fasce di reddito: i social network alternativi a Facebook, ancora una volta Instagram e Snapchat, diventano più popolari mano a mano che il reddito delle famiglie dei teenager aumenta, con i ragazzi i cui genitori guadagnano più di 100 mila dollari l’anno che quasi usano Instagram alla pari con Facebook. Gli altri, i ragazzi delel famiglie della working class, ancora restano attaccati al social di Mark Zuckerberg.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi