Chicago blues

Un orto bio all’aeroporto, il Presidential Center in costruzione Viaggio sulle tracce degli Obama nella seconda città d’America

Chicago blues

Torri di Mies van der Rohe (1951) a Chicago

Chicago. Che cosa c’è di meglio, nel President Day, festività del 22 febbraio che onora ogni anno il compleanno di George Washington, di un viaggio sulle tracce degli Obama e dello spirito americano nella seconda città d’America, città cara all’ex presidente, che abbandonata la Casa Bianca si compra case in giro per l’America e firma contratti milionari per le sue autobiografie. Intanto l’aeroporto, che contende sempre il primato per il più trafficato del paese, e certamente il più obamiano, è...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi