Maurizio Sarri vince la Panchina d'oro. L'allenatore del Napoli visto dal Foglio

Il premio al migliore allenatore della passata stagione arriva tra le mani dell’allenatore del Napoli che supera, con 25 preferenze su 61, Massimiliano Allegri

Maurizio Sarri vince la Panchina d'oro. L'allenatore del Napoli visto dal Foglio

Maurizio Sarri (foto LaPresse)

La panchina d'oro, premio al migliore allenatore della passata stagione, arriva tra le mani di Maurizio Sarri. L’allenatore del Napoli supera, con 25 preferenze su 61, Massimiliano Allegri che ne ha ottenute 22. Terzo con 7 voti Eusebio Di Francesco. A consegnare il premio a Sarri c’è il presidente della Figc, Carlo Tavecchio.

 

"Solitamente ritirare un premio non dà una soddisfazione particolare, spesso lo considero tempo tolto al mio lavoro” dice Sarri. “Questo premio mi dà invece gusto, soddisfazione e penso che questo premio dipenda dal fatto che è una decisione dei colleghi allenatori. Certo, non è Napoli-Juve 1-0, la Juve è più forte: più che i premi contano punti e risultati, ma per una volta battere Massimiliano è bello".

Di Maurizio Sarri si è occupato spesso Jack O'Malley nella sua rubrica settimanale sul Foglio. Ma non solo. Ecco alcuni nostri articoli sul tecnico partenopeo.

Pep sciò, il grande bluff di Guardiola

Vincere il campionato tedesco con il Bayern Monaco lontano dalla Spagna è come vincere una gara di rutti con dei bambini delle elementari

Tuta & computer

La gavetta e gli anni ingannano: c’è del metodo in Sarri. E il Napoli con lui in panchina è diventato un laboratorio del calcio moderno, la personificazione di una scuola di pensiero calcistico che mette al centro il gioco. Non è una questione di essere migliori o peggiori, è che i cicli del calcio sono fatti di allenatori comunicatori e di allenatori allenatori. E intanto è campione d'inverno.

Per tornare grande la serie A deve giocare di più all'ora di pranzo

Maurizio Sarri: “Mi fa schifo giocare alle 12.30”. Ma le ragioni tecniche cozzano contro quelle del mercato. E la Fiorentina si stringe attorno a Kalinic, per ritrovare un pizzico dell'orgoglio perduto

Sarri, ti odio

Lo spregio dell'estetica dell'allenatore del Napoli e il suo scorrettismo da bar dello sport. Però va riconosciuto il merito. Non so se calcistico – ci sono dei top commentatori napoletani che dicono “uguale a Mazzarri”, e non è un complimento.

Allegri contro Sarri, così vicini e così lontani

Un ex calciatore che oggi si veste da bancario e un ex bancario che oggi si veste da giocatore. E che nel prossimo fine settimana decidono i destini del campionato italiano

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi