Alla fine Zamparini si autoesonera dal Palermo

Il presidente annuncia le proprie dimissioni e l'arrivo di nuovi investitori americani. Molto misteriosi 

Alla fine Zamparini si autoesonera dal Palermo

Maurizio Zamparini (Foto LaPresse)

Non poteva che finire così. Dopo ventotto allenatori e trentasette cambi di panchina in nemmeno quindici anni, il presidente del Palermo Maurizio Zamparini ha deciso di compiere il "gesto estremo": si è autoesonerato. O per dirla correttamente, ha rassegnato le proprie dimissioni. 

 

Diego Lopez alla prova dell'amorevole Zamparini

Ventotto allenatori per trentasette cambi di panchina in nemmeno quindici anni. Il calcio secondo il presidente del Palermo, "una cotta adolescenziale" L'INFOGRAFICA

  

E pensare che da qui alla fine del campionato, col Palermo terz'ultimo a 15 punti e con la salvezza distante 7, Zamparini avrebbe potuto allungare la sua lista di esoneri. Invece stavolta sarà lui ad andarsene e l'impressione è che per il 75enne presidente si tratti di un addio. Entro quindici giorni verrà infatti nominato il nuovo presidente che, spiega la società in un comunicato, è membro e rappresentante di un fondo anglo-americano, che si è contrattualmente impegnato ad investire nei progetti del Gruppo Zamparini con priorità iniziale negli investimenti del Palermo Calcio e negli impianti sportivi da realizzare a Palermo, ossia lo stadio e il centro sportivo. Obiettivo degli investitori, spiega Zamparini, "sarà riportare il club nella posizione che la città merita, quella europea, con un programma di 3-5 anni".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi