Morire a un passo dalla gloria. L’incidente aereo che ha cancellato il Chapecoense

Nella notte tra lunedì e martedì, un aereo partito dalla Bolivia e diretto in Colombia si è schiantato sulle montagne vicino a Medellín, dove avrebbe dovuto atterrare. Trasportava 77 persone: 71 sono morte, sei sono state trasportate vive nel più vicino ospedale. Sul volo c'era l’intera squadra di calcio brasiliana del Chapecoense.

Morire a un passo dalla gloria. L’incidente aereo che ha cancellato il Chapecoense

Il giocatori del Chapecoense festeggiano la vittoria in semifinale di Copa Sudamericana, pochi giorni fa. Moriranno durante il viaggio per andare a giocare la finale in Colombia

Nella notte tra lunedì e martedì, un aereo partito dalla Bolivia e diretto in Colombia si è schiantato sulle montagne vicino a Medellín, dove avrebbe dovuto atterrare. Trasportava 77 persone: 71 sono morte, sei sono state portate vive nel più vicino ospedale. Sul volo c'era l’intera squadra di calcio del Chapecoense, in viaggio per giocare l’andata della finale di Copa Sudamericana, l’equivalente della nostra Europa League. Era la prima finale internazionale del club fondato nel 1973 e partito sette anni fa dalla serie D. Una cavalcata che aveva fatto gridare al miracolo in tanti, soprattutto perché la società aveva i conti a posto in un campionato dove fallimenti e corruzione sono all’ordine del giorno.

A feroce memoria di ciò che poteva essere e non sarà mai, sui siti di tutto il mondo stanno girando gli ultimi video e le foto postate sui social network dai giocatori prima di partire, in aeroporto e sull’aereo. Seguono di pochi giorni quelli della festa negli spogliatoi dopo la vittoria in semifinale contro il San Lorenzo, dove si vedono i giocatori piangere di gioia e ringraziare Dio per la loro prima, inaspettata finale.

Non si può fingere che questa tragedia sia diversa da altre simili proprio per la morte di questi ragazzi. Il 4 maggio del 1949 l’aereo che riportava a casa i giocatori del Grande Torino fece la stessa fine, schiantandosi contro la collina di Superga. Il giorno dopo, Dino Buzzati spiegava così la commozione che aveva investito il paese intero: “Ecco che cosa sono i grandi calciatori. Nella mediocre vita delle grandi città essi portano ogni domenica un soffio di fantasia e di nuova vita; senza sangue né ira ridestano negli uomini stanchi qualcosa di eroico; proprio così, la parola non è troppo esagerata”. Sono passati quasi settant’anni, il calcio e il mondo sono cambiati, ma questa percezione è rimasta la stessa, intatta. Nonostante tutto. Per questo ieri tanti tifosi di tutto il mondo piangevano la morte dei giocatori del Chapecoense, anche se fino al giorno prima non sapevano neppure della loro esistenza.

Avrebbero dovuto giocare la prima partita della finale domani, in casa dell’Atlético Nacional: la squadra colombiana ha già fatto sapere di volere cedere la coppa al Chapecoense, o a quello che ne resta. Tre calciatori si sono infatti salvati, ma sarà durissima per loro ricominciare. Da tutto il mondo sono arrivati messaggi di cordoglio, tantissimi calciatori hanno postato messaggi di vicinanza e preghiera. “E’ un destino che ci lega indissolubilmente”, ha scritto l’account ufficiale del Torino, che ha giocato in Coppa Italia con il lutto al braccio e osservando un minuto di silenzio prima di iniziare la partita. I granata sono forse quelli che più di altri conoscono il dolore di una perdita del genere, assieme ai tifosi del Manchester United che nel 1958 persero otto dei loro migliori calciatori in un incidente aereo a Monaco.

Centinaia di persone sono scese in strada a Chapecó, mettendosi a pregare davanti allo stadio. Verrà il momento per capire meglio le cause dell’incidente – si parla di avaria elettrica, con il pilota che aveva chiesto un atterraggio di emergenza alla torre di controllo, per poi interrompere ogni comunicazione – adesso la sensazione che circonda questa storia è l’ineluttabilità, già pronta a trasformarsi in epica. Dopo l’incidente di Superga ci fu chi scomodò il mito greco, con gli dèi che regalavano agli eroi l’onore di una morte in giovane età. Succederà lo stesso per i ragazzi del Chapecoense, destinati loro malgrado a rimanere nella storia del calcio per una fine ingiusta. Avrebbero preferito farlo altrimenti, vincendo la Copa Sudamericana in una finale che non giocheranno mai. Ma chi li cercherà nei corpi bruciati dallo schianto o nei resti ricomposti nelle bare durante i tre giorni di lutto nazionale non li troverà. Tutti i tifosi del mondo sanno che i calciatori brasiliani morti ieri stanno già giocando da un’altra parte, di nuovo e per sempre.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi