IL FOGLIO .it - Direttore Giuliano Ferrara
accesso abbonati
ArchivioLa giornata

Da qui al 2013

Berlusconi accontenta Bossi sui ministeri, Tremonti delude Berlusconi sul fisco

Al primo vertice con Alfano segretario si discute di elezioni anticipate e non si trova la quadra sul calo delle tasse

In un clima di tensione tra Silvio Berlusconi e Giulio Tremonti, Umberto Bossi e i vertici della Lega hanno incontrato il premier ad Arcore. Il vertice “è andato bene”, ha spiegato Angelino Alfano presente nella veste di neo segretario del Pdl. E in effetti la Lega non ha assunto un atteggiamento minaccioso malgrado, nelle pieghe dei discorsi, Bossi abbia fatto accenno all’ipotesi di elezioni anticipate al 2012; idea che – dicono al Foglio – Berlusconi ha respinto con un sorriso: “Vedrai che governiamo fino alla fine della legislatura”. Ma chissà. La tentazione di anticipare la riforma tributaria, magari spendendo un po’, e andare al voto sull’onda di un provvedimento così popolare è forte. La delegazione leghista ha ottenuto il sì al decentramento dei ministeri al nord, si tratterà di trovare una formula: che sia lo spostamento di alcuni dipartimenti o l’apertura di uffici di rappresentanza. D’altra parte la preoccupazione di Bossi, e dell’intero gruppo dirigente, è quella di non poter offrire nulla al proprio popolo riunito a Pontida il prossimo 19 giugno. “Ci farebbero a pezzi”, è stato spiegato al premier. Così toccherà al Cavaliere parlare con Gianni Alemanno, da sempre contrario all’idea del decentramento. Il sindaco di Roma “capirà”. Forse.

La politica economica è rimasta invece sullo sfondo della discussione, almeno così dice chi era presente. Un filo tuttavia interrotto e più volte ripreso, con il premier sorridente ma fermo nelle sue domande al ministro dell’Economia Tremonti: “E’ proprio inevitabile una manovra così dura?”. Risposta: “Ci siamo impegnati a centrare il pareggio di bilancio per il 2014”.
Berlusconi, che ha riscoperto Bossi a fianco del flemmatico Tremonti, ha platealmente cercato di stemperare la tensione con il ministro: “La sconfitta alle elezioni amministrative è stato l’effetto di un complesso di sbagli”. Come dire, non è colpa di una sola persona o soltanto della politica economica. Al premier non sfugge quello che gli hanno suggerito dall’entourage, secondo cui Tremonti è rimasto un po’ infastidito dalla nomina di Alfano a segretario del Pdl. Un incarico che – secondo le malizie – il ministro dell’Economia considera costruito apposta per fare da contraltare alla sua politica al ministero dell’Economia. Almeno così sembra. Si è convenuto di rimandare le decisioni sull’economia a una nuova verifica e a un altro vertice. Ma complice Bossi, che gestisce con difficoltà il malumore della base padana e riceve consigli bellicosi da Roberto Maroni, il Cavaliere ha potuto ottenere da Tremonti la conferma di quanto era nell’aria già da settimane: la riforma tributaria si farà, le leggi delega dovranno essere approvate entro l’estate e la norma entrerà a regime a ridosso del 2013.

Non è il “drizzone” all’economia che il premier immagina ancora di poter strappare a Tremonti. Bossi è d’accordo, ma mantiene una posizione ancora intermedia, vicina a Tremonti, malgrado Maroni gli consigli esattamente l’opposto. La linea d’intervento più plausibile è una rimodulazione delle aliquote per persone fisiche e aziende accompagnata da un ritocco compensativo (aumenti) dell’Iva. Il superministro ha già messo al lavoro la ragioneria dello stato per trovare le coperture. Per Tremonti il discorso è chiuso, ma il premier lo ha lasciato annunciando una verifica “a breve”. E la teoria delle elezioni anticipate al 2012 (universalmente smentita) prende quota: anticipando l’entrata in vigore della riforma, e investendo di più sul taglio della pressione fiscale, si potrebbe riuscire a contenere gli effetti del calo di consensi che si registra in tutto il paese. “E la sinistra non riuscirebbe a governare per più di un anno”.

*****

L’amicizia e la verità

L’incontro di ieri tra i dirigenti del Popolo della libertà e quelli della Lega nord, dopo la sconfitta subita da ambedue le formazioni nelle recenti elezioni amministrative, è stato interpretato un po’ semplicisticamente come un confronto tra persone e tra caratteri, alla ricerca di sintomi di inimicizia personale tra Silvio Berlusconi e Umberto Bossi. [continua a leggere]

di Salvatore Merlo   –   @SalvatoreMerlo

Sito certificato Audiweb

Web Design: Vai al sito di Area Web     Hosting: Vai al sito di Bluservice     Advertising: Vai al sito della divisione WebSystem del Sole 24 Ore

Se preferisci vedere questa pagina ottimizzata per iPhone clicca qui