IL FOGLIO .it - Direttore Giuliano Ferrara
accesso abbonati
ArchivioLa giornata

Berlusconi interviene alla festa di Atreju

Quelli che tutto è pronto per sostituire il Cav. (Ma poi chi glielo dice?)

Passo indietro concordato col Quirinale (e garanzie) per permettere ad Alfano di formare un nuovo governo amico.

"Grazie per la splendida accoglienza: apre il cuore avere a che fare con i giovani dopo che si è avuta la ventura o la sventura di vedere certi telegiornali". Ha esordito così il premier Berlusconi davanti alla platea di Atreju, la festa dei giovani Pdl, dove è in corso il suo intervento.

In teoria è tutto pronto, ma in pratica c’è un problema: chi lo va a dire a Silvio Berlusconi? Nel Pdl in cui, per citare Denis Verdini (fonte Corsera) “è tutto uno sbattere d’ali”, esiste un piano apparentemente perfetto per sostituire in corsa il Cavaliere con Angelino Alfano alla presidenza del Consiglio. Ne hanno discusso alla corte di Palazzo Grazioli, lunghi conciliaboli (un po’ tremebondi) che fino a ieri si sono sempre interrotti sulla soglia dello studio privato del presidente del Consiglio. Ci vuole fegato. Anche se negli ambienti del Pdl circola una leggenda: un coraggioso sarebbe riuscito a pronunciare di fronte al grande capo la parola “dimissioni”, ma pare sia finita malissimo (per lui). Il premier a farsi da parte non ci pensa nemmeno. E sono forse solo due, Gianni Letta e Fedele Confalonieri, le persone in grado di affrontare senza rischi un argomento di cui il Cavaliere talvolta si diverte a parlare, molto meno a sentirne parlare.

Ma che cosa si dice ai piedi del trono?
Lo schema è più o meno il seguente: il Cav. dovrebbe salire da Giorgio Napolitano facendogli presente di essere disposto a un passo indietro se il presidente della Repubblica gli usasse la cortesia di offrire un mandato esplorativo al presidente del Senato, Renato Schifani. Un’operazione che ha un precedente, il modello Prodi-Marini del 2008. Come si sa, Schifani in Sicilia è socio anziano del segretario del Pdl Alfano e dunque, secondo questo piano tutt’altro che fantasioso, il presidente del Senato, dopo aver fatto le opportune verifiche, direbbe a Napolitano che un presidente del Consiglio in grado di mantenere l’alleanza con la Lega e di allargare gli orizzonti della maggioranza verso il centro (Udc, Rutelli, Popolari pd) c’è, ed è Alfano.

Il giovane segretario che ne pensa?
Ha ricandidato per tre volte in pochi giorni il Cavaliere a Palazzo Chigi. Di fronte ai militanti leghisti ha tentato di pronunciare questa frase: “Per il 2013 abbiamo già il candidato, ed è…”. Non ha fatto in tempo a dire “Berlusconi” che il popolo in camicia verde si è messo a urlare: “Maroni! Maroni!”, e quando è finalmente riuscito a dire “Berlusconi”, giù fischi. Segno dei tempi. Non a caso Alfano, da mesi, tesse rapporti trasversali. Non più soltanto con Pier Ferdinando Casini o con l’amico Maroni, ma anche con le gerarchie vaticane, con la Cei, con la Cisl di Raffaele Bonanni e con quel Beppe Fioroni (“io tifo per Angelino”, ha detto il leader dei Popolari all’Avvenire) al quale il Pd filo Cgil di Bersani va stretto. Della partita è ovviamente Roberto Formigoni: lo scalpitante governatore va sistemato in una posizione di prestigio ancora da individuare, malgrado lui – dicono – accetterebbe di fare il capo del Pdl se Alfano andasse a Palazzo Chigi. L’operazione, sostengono gli architetti che l’hanno studiata “per salvare Berlusconi” dal massacro delle intercettazioni e dalla trappola della crisi economica, è conveniente per il premier: gli permetterebbe di salvare la sua storia personale rilanciando il centrodestra con un governo dei quarantenni; gli permetterebbe di salvare la sua classe dirigente; gli consentirebbe di continuare a muovere le leve del potere, da fondatore del Pdl e consigliere paterno del giovane Alfano; lo garantirebbe dal punto di vista finanziario, il patrimonio personale e le aziende sarebbero protetti da un governo amico. Si allenterebbe anche l’accanimento mediatico-giudiziario. Ma il problema rimane: chi riuscirà a spiegarlo al capo?

di Salvatore Merlo   –   @SalvatoreMerlo

Sito certificato Audiweb

Web Design: Vai al sito di Area Web     Hosting: Vai al sito di Bluservice     Advertising: Vai al sito della divisione WebSystem del Sole 24 Ore

Se preferisci vedere questa pagina ottimizzata per iPhone clicca qui